Fine test: da oggi la ZTL è definitiva

1205937627.jpgFine del periodo di prova: da oggi la ztl è definitiva. Lo ha annunciato ieri il sindaco, Raffaele Stancanelli. Una buona notizia per tutti i catanesi che tengono all’ambiente e al “decoro” del salotto cittadino, un po’ meno per quei residenti e negozianti che avevano protestato per la nascita della zona a traffico limitato in uno dei punti nevralgici e quindi più caotici della città: con la ztl per loro sarebbe stata una vitaccia.

Ma le lamentele non sono rimaste inascoltate, perché sono previsti dei permessi speciali sia per residenti che per i commercianti. Per verificare l’accesso, verranno installati a breve dei varchi elettronici, per i quali la gara d’appalto è già stata effettuata, manca quindi soltanto l’installazione. Nel frattempo i due varchi d’accesso in via Landolina e Via S. Agata saranno costantemente presidiati dai vigili urbani.

La ZTL, per chi ancora non ne ha ben chiari i confini, è compresa fra le seguenti vie: Antonino di Sangiuliano, Monsignor Ventimiglia,  Vittorio Emanuele, Raddusa, Santa Maria del Rosario, della Loggetta, Euplio Reina e  Mancini. Le vie ora diventate pedonali sono dunque: via Euplio Reina, piazza Ogninella, via Sant’ Orsola, via Perrotta, piazza Scammacca, via Pulvirenti, via Santa maria del Rosario, via  Sant’Agata, via Mazza, via Leonardi, via Valle, via Birreria, via Landolina, vicolo della Sfera. Attenti a dove lasciate la macchina!

Estate catanese fino a metà settembre

logoestate_250.jpgEstate in città, gli eventi del Liotru, non è stata a dispetto del nome una rassegna di peso. Troppa poca la pubblicità, e si anche gli eventi non erano particolarmente attraenti (a parte la signorina del car wash nella “Festa della birra”)… Ma in tempi di vacche magre, apprezziamo lo sforzo di aver organizzato una rassegna lunga e varia, che continua anche a settembre.

Di seguito l’elenco degli eventi nella prima metà di settembre.

4 Settembre ore 21.00 – Sabato 5 Settembre ore 20.30
Palazzo della Cultura
Club degli artisti
Defilè Bruno

Domenica 6 Settembre ore 21.00

Palazzo della Cultura
Associazione Darshan
Alkantara fest in città
Flam&Co in concerto

Lunedì 7 Settembre ore 20.30
Palazzo della Cultura
Teatro Stabile
per la rassegna Libri in Cortile
presentazione dei libri:
I Ragazzi di Regalpetra
di Gaetano Savatteri
Per non morire di mafia
di Pietro Grasso
moderatore Felice Cavallaro

Martedì 8 Settembre ore 21.00
Museo del Mare
Il Mare racconta – Mediterrando
concerto del Quintetto Broken Consorts

Mercoledì 9 – Giovedì 10 Settembre ore 21.00
Cortile Platamone
Associazione Visionearte
Corti in cortile
rassegna di cortometraggi siciliani

Sabato 12 Settembre ore 21.00

Palazzo della Cultura
Spettacolo teatrale
Storia di una capinera
con Pippo Pattavina

Domenica 13 Settembre ore 20,30

Palazzo della Cultura
Liceo Musicale
Festival Belliniano
Orchestra del Liceo Musicale

Lunedì 14 Settembre ore 20.30
Palazzo della Cultura
Teatro Stabile
per la rassegna Libri in Cortile
presentazione dei libri:
Educazione Siberiana
di Nicolai Lilin
Chi ha incastrato Lou Sciortino?
di Ottavio Cappellani
letture di Guia Jelo e Fulvio D’Angelo

Martedì 15 Settembre ore 21.00
Palazzo della Cultura
Fondazione Giuseppe Fava
Serata di sottoscrizione

Approfondimenti sulle serate, in questa pagina del sito del comune.

Per informazioni sulla rassegna invece, c’è il bel mini sito dedicato.

Furrigna Rock Festival

furrigna09.jpgAncora eventi in questo ultimo scorcio d’estate 2009: questa volta si tratta di un Festival Rock piuttosto atipico: Furrigna Rock Festival 2009 a Scordia. Atipico perché il Rock, la musica, c’entra molto poco: si tratta di un festival di audio-video, una manifestazione  per “teste dure come la pietra”, in un anglo-sicilianismo “furrigna rock”…

Il Festival si svolgerà il 28 e il 29 agosto, e qui potete leggere (e diffondere se vi va) il programma. Da non perdere, giorno 28 in piazza Umberto I il documentario “13 VARIAZIONI SU UN TEMA BAROCCO. BALLATA AI PETROLIERI IN VAL DI NOTO”, produzione dal basso alla quale hanno contribuito 641 persone.

Il 29 invece Sicilian AV Project “Audiovideo Antimafia Lounge”, una sperimentazione con video, musicisti un disegnatore, che si “contamineranno” a vicenda per spiegare al pubblico cos’è la Mafia, ispirandosi alle parole di leonardo Sciascia.

Roda de Capoeira – il 26 in piazza Teatro Massino

Roda_de_capoeira1.jpgLa Capoeira è una lotta brasiliana “in musica”, un’arte marziale che sta trovando sempre più diffusione nel mondo, e anche a Catania. Il suo “centro d’attività” si chiama Roda, ed è il cerchio di persone che si forma attorno alle due persone al centro che “giocano” (per non dire “danzano”) al ritmo del berimbau, lo strumento musicale simbolo dela Capoeira.

Le regole e lo svolgimento in realtà sono molto complessi, e la stessa “Roda” non è solo un cerchio di persone ma una parte attiva che segue la musica (e gli strumenti oltre al berimbau sono numerosi). Ma se ci si vuole avvicinare alla Capoeira, probabilmente è meglio lasciare da parte “complessità” e “studio” e farsi venire voglia di praticarla guardando una esibizione in piazza.

Mercoledì 26 agosto ci sarà una “Roda de Capoeira” organizzata da Capoeira Zumbì in piazza Teatro Massimo (piazza Bellini) dalle ore 21.00 fino a mezzanotte. Ovviamente è gratis 🙂

Amianto a Catania

amianto_fazen.jpgLo hanno chiamato “the silent killer”, il killer silenzioso, e probabilmente siamo ancora talmente abituati ai pannelli in eternit che non ci allarmiamo o denunciamo la presenza ogni volta che lo vediamo in giro. L’amianto è quindi ancora molto diffuso in tutta la provincia di Catania, nei luoghi più insospettabili, come il terreno  sul quale sorgeva l’ex opificio Keyes che è stato sequestrato dalla Guardia di Finanza a Fumefreddo. La presenza di tonnellate di materiale tossico, mai denunciate nonostante da anni il terreno sia stato convertito in parcheggio privato per i bagnanti che decidevano di andare nella vicina area protetta, è sintomo che qualcosa deve cambiare prima che nelle istituzioni (la provincia ha mandato un comunicato sulla questione ieri, precisando che l’area della ex Keyes dista circa due chilometri dall’area protetta di Fiumefreddo, quindi non è un terreno di propria competenza da controllare) nei cittadini catanesi.

Smaltire l’amianto del resto non è una operazione obbligatoria, ma per fortuna ci sono ditte convenzionate con i vari Comuni con cui è possibile non spendere troppo. Non farlo significa mettere in pericolo innanzitutto se stessi, incorrere in sanzioni ed essere potenzialmente perseguiti penalmente… Situazioni come quella di Fiumefreddo appena scoperta o quella di San Giorgio sono solo la punta di un iceberg, e data la nostra “mentalità” di catanesi difficilmente un vicino ci denuncerà mai perché teniamo ancora l’amianto da smaltire. Facciamolo noi stessi, il prima possibile, “il killer silenzioso” non sbaglia un colpo…

Smaltimento amianto sul sito del Comune di Catania.

Etnafest, ultimi due concerti

etnafest2009.jpgAgosto e l’Estate stanno per finire, e così fanno le rassegne estive. Non fa eccezione Etnafest, il cartellone di eventi organizzato ogni anno dalla provincia di Catania, che il 21 e il 24 concluderà la rassegna musicale, con due concerti di alto livello.

Il primo: giorno 21 alle 21 alle Ciminiere sarà il cantautore dialettale Alessandro Mancuso con lo spettacolo “SciarraChitarra”, già nel gruppo dei “Beatipaoli”.

Il secondo: giorno 24 alle ore 21 sempre presso il teatro alll’aperto delle Ciminiere si esibirà Piero Pelù e il gruppo Acquaragia.

Per andare ad ascoltare Alessandro Mancuso e il mitico Piero Pelù (proprio lui, l’ex Litfiba) bisogna affrettarsi a comprare i biglietti, dal costo di 10 euro, disponibili in prevendita presso Box office tel. 0957225340 – http://www.ctbox.it.

AGGIORNAMENTO: Il concerto del cantautore Alessandro Mancuso previsto nell’ambito del cartellone musica di Etnafest, organizzato dalla Provincia regionale di Catania, e previsto il 21 agosto alle ore 21, è stato annullato per sopraggiunti motivi di carattere personale dell’artista.

I rimborsi integrali dei biglietti saranno effettuati nei punti vendita di acquisto entro il prossimo 25 agosto.

Catania calcio, buon inizio

ctcalciolavorincorso.jpgLavori in corso allo Stadio Massimino: ieri il Catania calcio, pur non giocando benissimo ha vinto alla sua prima uscita stagionale, in Coppa Italia contro la Cremonese, che milita in serie C1. Allo scadere del primo tempo segna l’unico gol dell’incontro, siglato “il solito Mascara”, che quindi inizia la stagione da leader. La squadra ha fatto vedere tantissime cose positive, fra cui alcune ghiotte occasioni da gol mancate, in mezzo a un meccanismo di gioco ancora da “lavori in corso”. Ma siamo ancora al 15 agosto, e il nuovo allenatore Azzori sta lavorando sodo per formare una squadra all’altezza della quarta stagione di fila in serie A. Certamente non farà rimpiangere Zenga, che ora è andato al Palermo, quasi uno schiaffo morale ai tifosi catanesi… In attesa di una trionfale stagione con due vittorie sul Palermo, grido virtualmente un FORZA CATANIA!!!

Ferragosto a Catania

giopuo_catania.jpgA Catania, città di mare, come ogni anno per il Ferragosto la Playa verrà presa d’assalto: praticamente ogni stabilimento balneare negli oltre 3km della principale spiaggia catanese ha organizzato delle serate a suon di musica per far divertire i propri utenti. Ma ci saranno come ogni anno soprattutto i “fai-da-te”, i catanesi che all’ultimo momento si armeranno di tenda sacco a pelo alcolici e legna per passare una notte un po’ pazza attorno al fuoco. Questa volta però, assicura il sindaco Stancanelli, vigerà il divieto categorico di accendere fuochi o costruire “capanne” in spiaggia. Anche in tutti gli altri comuni siciliani i sindaci danno le stesse rassicurazioni, solo che una rassicurazione del genere data a Catania non si sa come verrà fatta rispettare vista la situazione di nuovo di urgenza delle casse comunali (sono ricominciati i black out programmati) e la carenza cronica di polizia municipale. E non meno importante, la memoria storica di quanto succede ogni anno alla Playa non fa ben sperare: risale al 12 agosto di due anni fa l’episodio del cavallo massacrato a bastonate.

Fra falò mancati e preoccupazioni, segnalo una iniziativa che dovrebbe essere attuata fra non molto tempo, promossa dal Sindacato Italiano Balneari e “fatta propria” dall’assessorato regionale al Turismo e Trasporti: una mega scritta sulla spiaggia visibile dagli aerei in arrivo a Fontanarossa “Benvenuti in Sicilia, la terra del mito”. Buon Ferragosto a tutti, catanesi e non.

Welcome to Catania!

Foto_Welcome_to_Catania.jpg«L’accoglienza rappresenta il valore aggiunto di una vacanza» ha dichiarato il presidente della provincia il giorno 10, in occasione della presentazione del progetto “Welcome to Catania”, un nome da zerbino per una iniziativa che sulla carta è molto utile per la promozione turistica, anche se non particolarmente innovativa: si tratta di un protocollo di intesa firmato dalla provincia con i principali soggetti legati al turismo nella provincia.

Nello specifico, il progetto “Welcome to Catania” prevede tre punti: 1) la creazione di punti di accoglienza e informazione per i turisti situati in punti di passaggio “strategici”, come aeroporto e porto. 2) Formazione rivolta ad operatori e residenti: per i primi, si dovrà puntare a migliorare i servizi offerti, per i cittadini invece si punta a migliorare il “senso dell’ospitalità”. 3) La stesura di una “Carta dei Diritti del Turista” e l’apertura di uno Sportello Unico per il Turista per informare chi vuol venire a Catania e chi è già in città…

I firmatari di questo protocollo (  Provincia, Etna Convention Bureau, COF (Università), CARIP, CEDOC, CRIEA, Confturismo Catania, Federalberghi, Assoturismo Catania, Federagit, Confindustria Alberghi Catania, FIPE, FIPE Ristoranti,  SIB, FIAVET, FAITA, Confindustria Servizi per il Turismo, Uftaa, Abbetnea, Confconsumatori, Federconsumatori, Adoc, Cittadinanza attiva) si impegnano, dopo aver scelto un Comitato di Progetto a riunirsi minimo ogni due mesi .

Naturalmente, di questo progetto i turisti non vedranno nulla per questa estate, visto che siamo già al 12 agosto. Se non sarà caduto nel dimenticatoio, vedremo la realizzazione dei vari punti del progetto per il prossimo anno. Nel frattempo ai turisti restano le rassicurazioni un po’ più concrete del nuovo prefetto: scortare i turisti dall’aeroporto al centro, per evitare scippi e furti, soprattutto nel (non meglio identificato) “passo dei ladroni”. Catania è la prima città in Italia per numero di “scippi”…

Piano Urbanistico Catania Sud

cataniasud.jpgFermento urbanistico a Catania: dopo aver parlato della vicenda del Corso Martiri della Libertà, parliamo dei piani urbanistici per  Catania Sud, e più precisamente della zona della Playa e del porto.

Per la Playa, esiste un Piano Urbanistico Attuativo (PUA) che prevede, nelle intenzioni, la trasformazione di quello che da sempre è l’approdo estivo delle famiglie catanesi in qualcosa di più remunerativo e “spendibile” turisticamente, e non solo nei mesi estivi. Previsti infatti la costruzione di un palazzo dei congressi, di campo da golf, di un cinema multisala, di un “parco del mare”, di un acquario, di campi da tennis e molto altro… Un progetto che teoricamente dovrebbe fare solo bene all’economia della nostra città, migliorando (senza stravolgere la costa come nel progetto per il “Waterfront“) anche per i catanesi che vogliono solo andare a fare un bagno al mare e prendere un po’ di sole la fruibilità della zona.

Come sempre le contraddizioni qui a Catania sono subito evidenti: l’ampliamento del porto, con la creazione di una darsena commerciale con sei ormeggi per ospitare navi fino a 200 m di lunghezza,  con la costruzione di  una banchina di oltre 1 Km e con il dragaggio di 5 metri di fondali. Praticamente verrebbe coinvolta nell’ampliamento del porto anche la zona della Playa da rilanciare turisticamente, in palese contraddizione con gli intenti, teorici, di rilancio turistico della zona.