Premio Giuseppe Fava 2010

favag.jpg

Al bando da questo blog i consigli su come trascorrere il Capodanno!

L’affiatato team che sta dietro le quinte di questo blog è contrario: come festeggiare il nuovo anno deve essere una scelta personale e meditata.

Naturalmente la realtà è che non ho nulla da consigliarvi (e che non ho un numeroso team alle spalle) ma mi rifaccio consigliandovi una serie di appuntamenti dei quali certamente non resterete delusi: come ormai tradizione, anche quest’anno saranno molte le attivitè legate al Premio nazionale Giuseppe Fava 2010 Niente altro che la verità:Scritture e immagini contro le mafie 5 gennaio 1984 -2010 “Come raccontare la mafia, senza chiedere permesso”. Il premio verrà consegnato a Sigfrido Ranucci della trasmissione tv Report, che ha prodotto dei documentari piuttosto sconvolgenti sulla nostra città e i suoi probemi politico-amministrativi.

2 gennaio.

Catania Fondazione Giuseppe Fava

Via Grotte Bianche 150

ore 10.30 Conferenza stampa

Presentazione della ristampa di “La passione di Michele” e “Prima che vi uccidano”

Presentazione del DVD della rassegna stampa del dopo omicidio

 

Palazzolo Acreide: (Sala ex Biblioteca Comunale)

Il Giornalismo che nasce e la sfida delle blogosfere all’informazione tradizionale: Blog e social Network”

ore 15.30 Laboratorio dell’informazione

ore 18.30 Dibattito con Fabio Chiari, Massimiliano Perna, Gaetano Liardo, Pippo Gurrieri,Marco Benanti, Riccardo Orioles.Pino Maniaci

ore 21:30 L’Associazione Culturale Siracusa in movimento presenta: “La mafia è un’idea” di Massimo Tuccitto

 

3 gennaio

Palazzolo Acreide, (Sala Consiliare Comunale

ore 16,30 Il rapporto tra mafie, potere ed informazione”

dibattito coordinato daPino Finocchiaro con  Antonella Mascali,Rosa Maria Di Natale, Beppe Lumia

ore 21,30

Sala ex Biblioteca Comunale

Giulio Cavalli: Recital

 

4 gennaio

Palazzolo Acreide

Sala consiliare comunale “Il Teatro della verità”: IV° Premio G. Fava Giovani 2010 –Scritture e immagini contro la mafia

ore 16:30 Presentazione dei lavori inviati al Coordinamento G. Fava per partecipare al Premio G. Fava Premiazione degli studenti che hanno partecipato al 1° Concorso Giuseppe Fava

ore 17,30: – Consegna del Premio G. Fava 2010, giovani, a Giulio Cavalli

Dibattito coordinato da F. D’ Arpa con Giulio Cavalli, attore, Mario Gelardi e Luigi Marsano,teatri della legalità, dott.Carmelo Petralia, DIA, Claudio Fava.

 

5 gennaio

Catania

ore 17. Appuntamento alla lapide

ore 18.30 Centro culturale ZO

Come raccontare la mafia, senza chiedere permesso

Claudio Fava, Armando Spadaro,giudice, Giulio Cavalli, attore, Antonella mascali, giornalista

Consegna del Premio G. Fava a Sigfrido Ranucci per la trasmissione Report

Ambiente: qualche suggerimento all’assessore

recicla.jpgSe per mangiare una pasta di mandorla di pochi grammi devo scartare 3 involucri, qualcosa di sbagliato deve pur esserci. La pasta di mandorla in oggetto era davvero squisita, e fra tanti dolci visti & mangiati in questo periodo natalizio l’involucro ha contribuito senza dubbio alla preferenza accordata (alla pasta di mandorla sul torrone comprato da un rivenditore ambulante nel caso specifico). Ma riflettendoci bene sopra, e non lasciandosi condizionare dall’istinto del consumatore, tutti questi rifiuti dove vanno a finire? “Nel tuo futuro” (nefasto è sottinteso) come ho sentito dire a qualcuno tempo fa. Cosa fare? Probabilmente agire a livello più alto in modo tale da avviare un circolo virtuoso che porti nel medio termine all’attenzione di consumatori golosi come me questi, apperentemente piccoli, dettagli. Alcune associazioni catanesi hanno pensato di dare qualche suggerimento in tal senso all’assessoreall’Ecologia del comune di Catania. Ecco di seguito la “lettera aperta”.

Egregio Dottor Domenico Mignemi Assessore all’Ecologia ed all’Ambiente del Comune di Catania

Con la presente lettera aperta le associazioni “Legambiente Catania, Greenpeace Catania, WWF Catania, Mani Tese Sicilia, CittàInsieme Catania, CittaInsieme-Giovani Catania, Rifiuti Zero Catania e CGIL Catania,” vorrebbero sottoporre alla Vostra cortese attenzione le seguenti problematiche e vorrebbero rendersi disponibili a fornirLe la totale collaborazione da parte anche attraverso dei tavoli tecnici:
• Estensione a tutta la città di Catania della Raccolta differenziata puntuale del tipo “Porta a Porta”, con l’integrazione delle componenti dell’umido e del non riciclabile e con la contestuale e totale rimozione dei cassonetti stradali di conferimento dei rifiuti;
• Realizzazione in tempi brevi di tutte le opere già autorizzate dal “Piano dei rifiuti siciliano” del 2002 al servizio della raccolta differenziata (completamento isole ecologiche, realizzazione dell’impianto di selezione e recupero di materia della frazione secca dei rifiuti, realizzazione dell’impianto per il compostaggio della frazione organica magari con i digestori anaerobici);
• Realizzazione dei centri di raccolta e recupero degli ingombranti, i dei beni durevoli e dei RAEE;
• Offrire la comunicazione necessaria e gli opportuni incentivi, in funzione della quantità e della qualità dei rifiuti conferiti, agli utenti della raccolta differenziata puntuale (Porta a Porta);
• Avviare efficaci azioni per la repressione del fenomeno dell’abbandono incontrollato di rifiuti;
• Bonificare tempestivamente le numerose micro discariche presenti sul territorio comunale, con le indispensabili precauzioni nei casi di presenza di rifiuti pericolosi;
• Predisporre un numero adeguato di centri per la raccolta di rifiuti inerti e scarti edilizi;
• Mettere in campo gli incentivi necessari per il conferimento dei rifiuti pericolosi (amianto, etc.) presso i centri di raccolta autorizzati e quindi impedirne la dispersione nel territorio con i danni che ne conseguono;
• Rendere efficienti gli impianti di depurazione cittadini e valorizzare i fanghi conferendoli presso impianti di digestione anaerobica.

Con la presente Le vorremmo rappresentare la possibilità di poter riorganizzare il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti in modo da contemplare la valorizzazione della maggior quantità di materia contenuta nei rifiuti a tutto vantaggio dei cittadini e dell’ambiente.
Sarebbe auspicabile tenere aggiornata la cittadinanza non solo sulle percentuali di raccolta differenziata fatta ma anche dettagliare come ciascuna tipologia di materiale viene recuperata.
Ribadendo che è nostro chiaro intento ed interesse, quello di voler interloquire in maniera costruttiva con le istituzioni, sarebbe cosa gradita avere indicazioni sulle azioni che Ella vorrà seguire, specificando una eventuale tempistica per l’attuazione di ciascun punto.
Sicuri di un Vostro concreto e collaborativo riscontro Le porgiamo i più cordiali saluti.

CittàInsieme – CGIL Catania – Greenpeace – Legambiente Catania – Manitese Catania – Rifiuti Zero Catania – WWF Catania

Regrooved Italia, n. 1 a Catania

Party-REGROOVED-CT.jpgStanchi di dar moto alle mascelle? Stufi di scartare regali? Festeggiate sul serio: per chi finito il Natale ha ancora tanta energia per muoversi, domani sera 26 Dicembre da Zo un evento potrà rimescolare il panettone nei vostri capaci stomaci natalizi: si chiama REGROOVED ITALIA ed inizia alle 22.00.

In connessione con Goodgroove Records, in seguito al successo di Regrooved UK, Australia e Canada, ecco Il primo Collettivo Regrooved Italiano, che mettendo insieme alcuni dei migliori dj sulla scena attuale, darà inizio ad una nuova serie di feste in cui le parole d’ordine saranno : rhythm and dance, battito ancestrale che riesce a coinvolgere, musica da vedere, ballare sentire con i 5 sensi e con il sesto senso: intuito musicale per appassionati e per chi si affaccia una prima volta nel turbine del groove e della rete del miglior deejaying mondiale. Dalla tradizione Regrooved del Funk, Soul, Break Beat, Rare Groove, DnB, Dubstep, proponendo di volta in volta ospiti internazionali, le serate regrooved animeranno i migliori club del pianeta. Tocca adesso proprio a una città come Catania, che ha sempre sfornato dj con un mix di ingredienti fondamentali, far rivivere e tremare i dancefloor: stile, varietà , scratching , mix da brivido, il tutto condito in salsa funk-soul-breaks e bossa, suonate attraverso i grandi classici rivisitati e remixati ad arte da Fab Samperi aka the Captain , dj e producer catanese ormai decretato un vero e proprio guru dei remix (molti suonati in questi giorni in show musicali come popcorner, Radio Rai 2), DJ Lelioz, reduce da un’esperienza come dj in party esclusivi nella mitica Los Angeles, Tommy boy: champion dj tra i più stimati e riconosciuti nella scena turntablism nazionale, e Rio: dJ e ideatore di eventi musicali, tra i piu’ eclettici selectors che Catania ha visto protagonista in questi ultimi anni.

L’ingresso è gratuito fino alle ore 23.00. Per chi arriva dopo, conviene mettersi in lista su Facebook e pagare 7 €.

PS: Regrooved Italia andrà in diretta radiofonica su Radio 2, POPCORNER.

PPS: quasi dimenticavo, BUON NATALE!

Il meme di Upress e la Iena

lucabizzarri_step1.jpgUn meme che parte da Genova per sostenere un’attività giornalistica emergente catanese: autore  di questo piccolo corto-circuito logico, sempre più comune per fortuna sul web, è Luca Bizzarri notissimo attore comico conduttore de “Le Iene”. Come potete ammirare nella foto, Luca Bizzarri ha dato il via a una serie infinita di imitazioni a tema. Ieri (e si spera oggi) su Twitter e Friendfeed si è scatenato il meme del #sostegnobizzarro con #cartellobizzarro per dire “sostengo Step1 Zammù e Upress” che a Catania rapppresentano l’informazione studentesca al massimo livello di professionalità- Anche divertimento, per fortuna, altrimenti questa “raccolta fondi” di cui ho parlato un paio di post fa si sarebbe rivelata il solito noioso appello che serve a fa leva sul “senso di colpa” di chi dovrebbe contribuire. Invece no, chi ha contribuito dando il proprio sostegno alla neonata Upress ha dovuto dimostrare di divertirsi a “sostenere” una iniziativa. E non so a voi, ma a me tutto questo autofotografarsi con #cartellobizzarro mette molta allegria e voglia di fare!

Clamoroso all’Olimpico

festeggiamenti_catania.jpgQuando meno te lo aspettil, ecco che arrivano le sorprese: ieri il Catania è andato a vincere proprio a Torino con la squadra più titolata della nazione, ovvero la Juventus. Non accadeva da 46 anni, e quindi posso ben dire che non me l’aspettavo. Con questa media di vittorie posso anche pensare che sia l’unica volta in vita mia, al massimo la prima di due, che vedrò un simile evento. Magari mi dovrò anche preparare ad un Catania in Champions League fra qualche anno… Ma intanto, torniamo alla realtà. Catania ultimo in classifica con 12 punti, nonostante la bellissima vittoria pre-natalizia che fa molto ben sperare. E se le cose andassero comunque male, almeno i catanesi passeranno delle buone feste a fantasticare su quel gol della vittoria di Izco, mentre riuniti nel salone di casa mangiano la schiacciata con la tuma.

Il piccolo miracolo natalizio ha preso così forma: al 23′ Jorge Martinez segna su calcio di rigore; la Juve pareggia con Hasan Salihamidzic al 66′; e all’87’ gol vittoria di Mariano Izco. Ora, conquistata Torino, avventiamoci sul torrone!

Catanaesi con la U maiuscola

uredattori.jpgCatanesi, giornalismo e U. Osservando le ultime evoluzioni del web catanese, sembra quasi che l’elemento comune, immancabile, debba essere proprio la diciannovesima lettera dell’alfabeto. Nel giro di un paio d’anni, sono almeno 3 le esperienze degne di nota a iniziare con questo nome. Comincio con UCUNTU, “il racconto” in catanese, sito di informazione atipico, perché basato, oltre che sulla qualità dell’informazione guidata dal “faro” del movimento antimafia, su un espediente tecnico tanto “old” quanto innovativo: Ucuntu produce un pdf settimanale pronto da stampare, impaginato con gabbie opensource realizate con Openoffice.org.

Seconda U di peso è Ustation, progetto ambizioso nato per e con gli studenti universitari. Un sito e un linguaggio soprattutto video innovativo, che ha portato già centinaia di studenti alla ribalta televisiva su La7.

Terza U, la novità di questi giorni pre-natalizi: si chiama UPRESS CTA ed è una associazione studentesca nata per “sostenere le esperienze giornalistiche studentesche all’interno dell’Università di Catania, secondo i principi del diritto alla libertà di critica e del rispetto della pluralità delle opinioni”.

In particolare, Upress si pone come obiettivo base di supportare Radio Zammù e Step1: in tempi di crisi economica per l’Ateneo catanese Upress si propone come sostegno non solo economico all’attività dei giovani giornalisti universitari, ma anche come punto focale di un sistema di esperienze da mettere in condivisione per il bene comune. E qui andiamo al punto dolente: servono soldi. Upress appena nata ha lanciato una campagna abbonamenti: raccogliere 10 mila euro entro gennaio è la prima sfida dell’associazione, che dovrà con questi soldi far partire le attività di promozione e soprattutto contribuire al pagamento degli articoli per i redattori di Step1. Tutta la vicenda è narrata qui.

Ma non è una richiesta di aiuto senza ritorno, chi si associa a Upress diventerà 1) parte di qualcosa che potrebbe essere fondamentale per l’informazione cittadina e 2) sarà protagonista di numeroso sorprese, che potrete scoprire solo abbonandovi!

E se la promozione non vi è bastata, potete anche fare una donazione: trovate il pulsante per la donazione Paypal e il conto corrente bancario su www.upress.it.

I 99 Posse stasera in concerto

1368787680.jpgI 99 Posse ritornano in concerto dopo 8 anni. L’evento si terrà oggi mercoledì 16 dicembre 2009 – ore 22:00 – Centro culturale “ZO” – P.le Asia, 6. La formazione vede Luca Zulù Persico alla voce, Massimo Jrm Jovine al basso, Marco Messina alle macchine, Sacha Ricci alle tastiere, accompagnati da Claudio “Klark Kent” Marino alla batteria, Gennaro de Rosa alle percussioni e la new entry Peppe Siracusa, ex chitarrista degli Aretuska. La storica cantante Meg come saprete di certo è “solista” da anni, impegnata nella carriera di cantante non più “politicamente impegnata”. Ma i 99 Posse?

Quando ho letto l’annuncio del concerto a Catania c’era appena stato lo sgombero dell’Experia, il Centro sociale di via Plebiscito, e mi sono detto: “ma per quale motivo non cantano in piazza oppure non donano il ricavato alla causa Experia?”. Che fine hanno fatto i 99 Posse quindi, perché si chiamano così? Probabilmente stasera avrò le risposte alle mie domande, spero positive: i 99 Posse probabilmente sono sempre gli stessi, solo più cresciuti.

CONCERTO SPOSTATO A FEBBRAIO 2010 (si ringrazia turi per il commento)

Assemblea sulle finanze del comune di Catania

Immagine 1033.jpgDebiti del comune di Catania: dopo l’arrivo dei primi 50 milioni di euro dal Governo ad un anno dai 140 milioni promessi dal CIPE, a che punto siamo? Qual è l’attuale situazione finanziaria della nostra città?

Per affrontare l movimento di società civile CittàInsieme organizza un’assemblea pubblica per oggi Lunedì 14 dicembre alle ore 20.15, nella sede di Via Siena 1.
Un’occasione per tornare a parlare di finanze del Comune di Catania e di quale strategia l’Amministrazione comunale ha in mente di approntare per pagare i creditori ed uscire dalla crisi.

Lo scorso anno si “affrontarono” sul tema il sindaco Stancanelli e l’on. Licandro.

Quest’anno saranno presenti il Dott. Gaetano Riva (Assessore al Bilancio) e l’Avv. Saro D’Agata (Consigliere comunale del Partito Democratico).

L’incontro sarà trasmesso in diretta via internet, dal blog 095.blogdo.net dal sito www.cittainsieme.it , www.cataniaoggi.com e da www.laperiferica.it.

Dicembre nei castelli catanesi

medmusica.jpg

Castello Ursino, naturalmente, ma anche il piccolo “castello” di via Leucatia: in questo dicembre saranno protagonisti della vita cittadina. Di seguito vi propongo alcune delle attività che si svolgeranno in questi luoghi dal fascino “cortese”.

Medioevo in musica

Castello Ursino
11 dicembre
ore 11,00 Inaugurazione mostra Medioevo in Musica
Strumenti musicali, dischi e libri nei fondi medievali della Biblioteca Regionale Universitaia di Catania
11 dicembre 2009 – 10 gennaio 2010
apertura dal lun/a sabato ore 9,00/19,00
domenica 8,30/13,00

Castello Leucatia, via Leucatia n. 68, Sala Conferenze

Esposizione di:

  • Presepi dell’Istituto Comprensivo “B. Monterosso” e dell’ Istituto Comprensivo Statale “Gabriele D’Annunzio – Don Lorenzo Milani”;
  • Lavori, con motivi natalizi, dei ragazzi del Centro Diurno “Laura Vicuna” dell’Istituto S. G. Bosco di via F.lli Mazzaglia n° 65;
  • Lavori di decoupage.


Visitabile durante gli orari di apertura al pubblico della Biblioteca Centro Culturale “R. Livatino”.

  • Venerdì 11/12/09 
    Castello Leucatia, via Leucatia n. 68, Sala Conferenze
    Ore 17,30: La storia del Natale attraverso i secoli a cura dell’Associazione L’Accademia del Tempo. Preparazione della frutta martorana: dimostrazione del maestro artigiano Giuseppe Marchese.
  • Domenica 13/12/09
    Castello Leucatia, via Leucatia n. 68, Sala Conferenze
    Ore 17,00: Presentazione del libro Trijscelee di Serena Esquilo Caruso 
    Introduce Santo Privitera. Relatori Carmelita Randazzo e Ottavio Cappellani. 
    L’incontro sarà allietato da una performance di Capoeira del gruppo Zumbi di Catania.
  • Martedì 15/12/09
    Castello Leucatia, via Leucatia n. 68, Sala Conferenze
    Ore 10,00: Natale al Castello – Canti e poesie degli allievi dell’Istituto Comprensivo “B. Monterosso”.
  • Venerdì 18/12/09
    Castello Leucatia, via Leucatia n. 68, Sala Conferenze
    Ore 10.00 Natale al Castello
    Canti e poesie degli allievi dell’ Istituto Comprensivo Statale “Gabriele D’Annunzio – Don Lorenzo Milani”;
    Ore 17.30 Mostra – performance di sculture animate di cartapesta, fotografie, origami, raku a  cura dell’Associazione UBER.

Catania calcio, arriva Mihajlovic

Immagine 1028.jpgSconfitta clamorosa (non al Cibali almeno, fuori) contro la squadra più scarsa del campionato (il Siena, si parla di classifica) ed esonero, qaulcuno dice “finalmente”, del più giovane tecnico della serie A Atzori. Un uomo pacato, simpatico, che ispira fiducia. Il suo Catania è stato una squadra ordinata ed equilibrata. Peccato che non segnava mai!

Per dirla con Julio Velasco, famoso allenatore di Volley passato anche dal calcio, il Catania di Atzori aveva “gli occhi di mucca, non gli occhi di tigre”. Per questo a sostituire il fin troppo buono Atzori arriva uno che da giocatore è stato il volto dell’aggressività, Mihajlovic: una volta arrivò a caplestare e sputare addosso un avversario, per poi prendersela anche con il quarto uomo. Lo scorso anno a Bologna ha fatto molto bene, e si spera faccia il bis a Catania. Comunque vada, non sarà più un catania dagl occhi di mucca