6 km in 32 anni: tempi record per l’Asse Attrezzato

lumache_gara.jpg

Domani, 31 luglio 2010, verrà inaugurato l’Asse Attrezzato, ultima grande arteria urbana prevista dal Piano regolatore cittadino. In tempi da record è stato completato l’intero percorso: 6km di strada a scorrimento veloce, ma costruiti a velocità-lumaca di 188 metri l’anno, che collegano la periferia sud della città, quindi Librino, l’autostrada Catania Palermo, l’Asse dei Servizi e la Tangenziale al Corso Indipendenza, strada cittadina che costituisce il confine a Ovest del Centro Cittadino. In altre parole significa collegare più di 100 mila cittadini catanesi ai Servizi e alle autostrade. “Era ora” dicono oggi i catanesi in giro – pur con qualche protesta dei residenti del rione Carcaci che è quello interessato, nella Zona del Corso Indipendenza, dal prevedibile aumento di traffico – ma quest’opera arriva con un ritardo da record del mondo: 41 anni dopo l’approvazione sul Piano Regolatore, e viene ultimate 32 anni dopo l’inizio dei lavori.

I problemi negli anni non sono certo mancati, dal fallimento della prima azienda appaltatrice agli atti vandalici, ma nessun avvenimento può essere così catastrofico da implicare dei tempi così lunghi. Disinteresse delle amministrazioni, comunali innanzitutto, che si sono succedute negli anni? Probabilmente SI, ma la situazione attuale non si è certo sbloccata per un ritrovato interesse pubblico in quest’opera di cui si è fatto a meno in tutti questi anni (e che al massimo è servita per ospitare le ceramiche della “Porta della Bellezza” a Librino, oltre a qualche gara clandestina di cavalli). L’amministrazione attuale ha avuto però la buona idea di cercare “sponsor” al completamento dell’opera: la società proprietaria del recentemente inaugurato Centro Commerciale “Porte di Catania” ha completato in poco più di un mese i lavori che se fatti dal Comune avrebbero visto ulteriori prolungamenti dei tempi. L’interesse privato ogni tanto fa bene anche ai cittadini, di solito in Sicilia e a Catania accade il contrario, cioé il privato vive da parassita sull’amministrazione pubblica. Non è questo il caso, giusto?

(foto di giorgio_f)

Cinema d’Agosto all’Arena Argentina

arena_argentina.jpgContinua la programmazione estiva dell’Arena Argentina, che si trova a Catania in via Vanasco 10. Anche ad agosto un programma zeppo di film di altissimo livello, in un mix di classici della storia del cinema, successi di stagione e piccole “perle” che a Catania si sono viste “ma poco”: non solo per un pubblico di appassionati.

IL PROGRAMMA Di AGOSTO:

01/08/10 domenica: Cado dalle nubi, con Checco Zalone
02/08/10 lunedì: Il mio vicino Totoro, di Hayao Miyazaki
03/08/10 martedì: E’ complicato, di Nancy Mayers
04/08/10 mercoledì: Mine vaganti, di Ferzan Ozpetek
05/08/10 giovedì: Il riccio, di Mona Achache
06/08/10 venerdì: Draquila – L’italia che trema, di Sabina Guzzanti
07/08/10 sabato: Agorà, di Alejandro Amenabar
08/08/10 domenica: Agorà, di Alejandro Amenabar
09/08/10 lunedì: Fantastic Mr. Fox, di Wes Anderson
10/08/10 martedì: Oggi sposi, Di Luca Lucini
11/08/10 mercoledì: Baciami ancora, di Gabriele Muccino
12/08/10 giovedì: Invictus, di Clint Eastwood
13/08/10 venerdì: Il nastro bianco, di Michael Haneke
14/08/10 sabato: Il concerto, di Radu Mihaileanu
15/08/10 domenica: Robin Hood, di Ridley Scott
16/08/10 lunedì: La principessa e il ranocchio, di Ron Clements
17/08/10 martedì: Ricatto d’amore, di Anne Fletcher
18/08/10 mercoledì: Il grande sogno, di Michele Placido
19/08/10 giovedì: A single man, di Tom Ford
20/08/10 venerdì: I gatti persiani, di Bahman Ghobadi
21/08/10 sabato: Shutter island, di Martin Scorsese
22/08/10 domenica: Shutter island, di Martin Scorsese
23/08/10 lunedì: Nat e il segreto di Eleonora, di Dominique Monféry
24/08/10 martedì: Genitori & Figli – Agitare bene prima dell’uso, di Giovanni Veronesi
25/08/10 mercoledì: Viola di mare, di Donatella Maiorca
26/08/10 giovedì: Soul kitchen, di Fatih Akin
27/08/10 venerdì: Motel Woodstock, di Ang Lee
28/08/10 sabato: Nemico pubblico, di Michael Mann
29/08/10 domenica: La nostra vita, di Daniele Luchetti
30/08/10 lunedì: Nel paese delle creature selvagge, di Spike Jonze

Catanesi a Marzamemi

marzamemi.jpgDal 23 luglio al 1 agosto l’antico e affascinante borgo marinaro di Marzamemi (Siracusa), amato da registi come Tornatore, i fratelli Taviani, Salvatores, Brandauer, che lo hanno utilizzato come set per i loro film, ospiterà, per il decimo anno consecutivo, una sterminata moltitudine di catanesi per il Festival Internazionale del Cinema di Frontiera, una manifestazione cinematografica ideata e diretta dal regista Nello Correale e organizzata dal Cinecircolo Baia delle Tortore.

Il festival conferma, come da tradizione, la propria vocazione internazionale. Infatti, in concorso presenta film provenienti dall’Argentina (Il segreto dei suoi occhi di Josè Campanella), dal Messico (La misma Luna di Patricia Riggen), dall’Iran (About Elly), dal Mali (14 km di Gerardo Olivares), dal Kazakhstan (Kelin di Ermek Tursunov), dall’Europa (Il Concerto di Radu Miahileanu). Si tratta di lungometraggi che hanno fatto incetta di premi nei maggiori festival del mondo, ma che hanno avuto difficoltà ad incontrare in Italia il pubblico che meritano.

Il festival presenta inoltre, come sempre, numerose sezioni:

• Una selezione di 27 cortometraggi in concorso che accoglie il meglio del cinema breve italiano;

• 30 film fuori formato e documentari che arrivano dalle frontiere calde del mondo come l’Iraq (The Land of Jerry Cans di Paola Piacenza), il Kirghizistan, la Palestina;

• Una rassegna di due grandi autori amati, non solo dai cinefili, che da anni sono scomparsi dalle sale, tenuti lontano dalle televisioni e dimenticati dai festival e che segnano in avanti i confini della ricerca cinematografica come: Alejandro Jodorowsky e Guy Maddin, con film, corti e documentari che li rappresentano;

• Una retrospettiva del cinema di Maurizio Nichetti, autore–attore che ha saputo esplorare più di altri le frontiere interne al linguaggio cinematografico, passando in modo magico dal vero al cartoon;

• La serata di gala, in cui viene mostrato un film muto accompagnato dalla musica dal vivo: la proiezione di The Godless Girl (La ragazza senza Dio) di Cecil B. De Mille, USA, 1929, inedito in Italia;

• Un incontro con giovani autori provenienti da Romania e Tunisia;

• Una rassegna di cinema e musica, un appuntamento tra i più seguiti, che vedrà la presenza di molti artisti-musicisti che presenteranno i loro film documentari (come La faccia della terra su Vinicio Capossela) e che daranno vita a jam sessions che segneranno le serate cinematografiche: tra questi, Rita Botto, Roy Paci, Bobo Rondelli, Bonafede con Franco Maresco, lo stesso Vinicio Capossela, Rocco Papaleo, Nina Zilli ed altri ancora (si tratta di vere e proprie sorprese);

• Incontri di autori con il pubblico: le chiacchiere sotto il fico, che quest’anno vedranno personaggi, autori cinematografici, scrittori e giornalisti di varia provenienza, affrontare i temi cari al nostro festival; saranno presentati libri che richiamano le frontiere e i confini da superare; tra gli altri, interverranno: Pietrangelo Buttafuoco, scrittore; Lirio Abbate, giornalista; Paolo Pillitteri, storico del cinema; Vera Schiavulli, giornalista.

Dal 23 luglio al 1 agosto 2010 a Marzamemi, una festa di cinema, con gli amici e gli ospiti che verranno a trovarci per presentare i loro film. Tra i numerosi ospiti: Maurizio Nichetti, Valeria Solarino, Donatella Finocchiaro, Franco Maresco, Carlo Siliotto, Vittorio Moroni.

(foto: www.cinemadifrontiera.it)

Io Leggo: letture pubbliche per Catania

io_leggo.jpg«“Io leggo” nasce in un momento di rabbia e sconforto immediatamente seguito altri due sentimenti apparentemente contrastanti con i primi: la forza e la determinazione. Siamo determinate, sì, determinate a far capire che Catania e la Sicilia non sono solo quelle che si leggono sui giornali. Non siamo solo mafia, così come l’Italia non è solo pizza e spaghetti». Queste le parole di Nilde Lemma e Simona Schifano, speaker di radio Zammù e studentesse di Lettere, hanno dato vita ad “Io leggo”, un reading nato dall’esigenza di riaffermare un legame con il territorio e tra coloro che ogni giorno lo vivono, dopo che giovedì scorso Laura Salafia, studentessa di Lettere, è stata ferita nel corso di una sparatoria proprio davanti alla sua facoltà, dopo aver sostenuto un esame.

«Un modo per farci sentire dalla nostra amica Laura in maniera concreta. Ci rende tristi sentire commenti come “Mi vergogno di essere catanese”. Non dobbiamo vergognarci: siamo quelli che dopo solo otto ore dalla sparatoria avvenuta il primo luglio in Piazza Dante eravamo tutti riuniti per manifestare la nostra solidarietà a Laura Salafia”» aggiungono le due organizzatrici di “Io leggo”. Saranno invitati a leggere brani, poesie o messaggi non solo studenti e professori, ma anche professionisti, persone impegnate nel sociale con associazioni come Addiopizzo, Fiumara D’Arte, Caritas Catania, CittàInsieme, Telestradae alcune associazioni studentesche.

Il reading, organizzato con la partecipazione delle Facoltà di Lettere e Filosofia e di Lingue e Letterature Straniere di Catania Radio Zammù, LaMusa, Officine Culturalie Step1 e con il gratuito patrocinio delComune di Catania, si terrà giorno

15 luglio alle ore 19.00 in Piazza Dante.

(via Ustation)

Paul è nativo del Golfo dell’Ognina

paulupuppu.jpgGuardatelo, in tutto il suo splendore: è Paul il polpo, famosissimo esperto di calcio mondiale.

Non notate nulla di familiare nel suo fiero sguardo e nel modo elegante di tenere i tantacoli? Ma certo: Paul è catanese, e per la precisione di Ognina. Una news ANSA diramata al termine dei mondiali chiarisce finalmente quello che in molti avevano notato, e il sindaco “scende in campo” (è proprio il caso di dirlo, trattandosi di calcio) per riportare Paul ai catanesi.

(ANSIA) – CATANIA – Al temine dell’incontro conclusivo dei Mondiali Sudafrica 2010, il Sindaco di Catania, senatore Raffaele Stancanelli, ha dichiarato: “Dopo ricerche disposte in collaborazione tra il Presidente dell’Autorità portuale di Catania, Santo Castiglione, e il Rettore dell’Ateneo, Antonino Recca, è stato appurato che il polpo Paul è nativo del Golfo dell’Ognina di Catania”. Appresa la notizia, l’Assessore regionale al Turismo, Nino Strano, ha assicurato che la Regione siciliana interesserà il Ministero degli Affari Esteri per il pronto rimpatrio del cefalopode indovino, al quale verrebbe destinata un’apposita vasca nella pescheria di Catania per la cui costruzione saranno disponibili i fondi FAS. Una delegazione, guidata dall’ex Assessore alla Cultura del Comune di Catania Silvana Grasso, partirà domani mattina alla volta di Berlino.

(fonte: Step1)

Sfratto Andrea Doria “teniamoci pronti”

mammedoria.jpgIl GAPA, storica associazione che da oltre 20 anni ha sede proprio accanto alla scuola media Andrea Doria in via Cordai, a San Cristoforo, ricorda ai catanesi che il momento della “verità” è giunto: domani potrebbe esserci lo sfratto definitivo. Di seguito la mail che è stata inviata a centinaia di catanesi, e che pubblico nel tentativo di rendere questa vicenda un tantino più visibile, nella estrema sua gravità.

Teniamoci pronti

Domani mattina 8 luglio, se la sciagurata amministrazione catanese oggi non rispetta gli impegni presi con la proprietà del plesso della Scuola media Doria a S.Cristoforo e paga gli arretrati dell’affitto di questi ultimi anni (180 mila euro), un ufficiale giudiziario sarà costretto a cancellare e a chiudere uno degli ultimi pezzi dello Stato, uno degli ultimi presidi democratici, uno degli ultimi luoghi del quartiere in cui genitori e figli possono costruire cultura e nuove relazioni.
Mentre Laura soffre in ospedale solo per essersi trovata in piazza Dante giovedì scorso, vittima della violenza che produce ogni giorno la nostra città, mentre le istituzioni usano le parole solo per spargere fumo e coprire le proprie responsabilità, mentre ci sono  quartieri dove i più piccoli giocano in parchi giochi pieni di topi e utilizzati solo per lo spaccio, noi non possiamo restare indifferenti.
L’amministrazione comunale di Catania se non adempie al suo dovere con la proprietà e permette la chiusura della Doria si macchierà di un crimine immenso di cui dovrà pagare le conseguenze.
Lo Stato che decide di chudere se stesso a S.Cristoforo: è inconcepibile!
Noi, se oggi 7 luglio non ci saranno novità, domani giovedì 8 luglio dalle ore 8.00 difenderemo in via Cordai a S.Cristoforo la Scuola Statale A.Doria.

Mascalucia Summer Festival

Immagine-1202.jpgArriva a Mascalucia, la prima edizione del Mascalucia Summer Festival.

Dall’8 al 12 luglio 2010, presso la suggestiva cornice dell’Anfiteatro Parco Manenti, grandi protagonisti della musica italiana si alterneranno in tre imperdibili serate.

Giorno 8 luglio 2010, Angelo Branduardi – 40 Anni di successi (€18,00).

Giorno 09 Luglio 2010, ore 21,30, PFM – La buona novella tour 2010 (€20,00).

Giorno 12 luglio 2010, ore 21,30, Modena City Ramblers – Riportando tutto a casa (€ 13,00).

Il festival, patrocinato dal Comune di Mascalucia, ideato ed organizzato da Amantiarts Music Agency, si propone come uno degli eventi più importanti di quest’estate siciliana.

Mascalucia Summer Festival ha come concept di riferimento quello di promuovere la cultura della musica d’autore. Grande musica, quindi, in uno spazio perfettamente attrezzato.

Per ciascun concerto, i biglietti sono in vendita presso il circuito Box Office

Location: Anfiteatro Parco Manenti di Mascalucia

Inizio Concerti ore 21.30

Chiostro Dissetante

chiostro.jpgDopo la sparatoria, di ieri, dopo la paura la rabbia e le tante cose dette, oggi in piazza Dante si torna alla normalità. Stasera un evento importante per chi ancora non conosce questo luogo ricco di storia e di bellezza: oggi venerdì 2 luglio a partire dalle 19, la facoltà di Lettere e Filosofia, in collaborazione con l’associazione Officine Culturali, propone l’iniziativa Chiostro Dissetante, al Chiostro di Levante del Monastero dei Benedettini che resterà aperto fino a mezzanotte.

L’iniziativa prevede musica dal vivo, l’aperitivo (a cura del Bonù) e le visite alle Cucine settecentesche e al Ventre del Monastero, a partire dalle 21, attraverso il percorso guidato proposto da Officine Culturali. I percorsi notturni partiranno ogni 30 minuti fino a mezzanotte. L’ingresso al Chiostro di Levante è gratuito. La consumazione (costo 7 euro) e le visite guidate (contributo 3 euro) sono facoltative.

Per ulteriori informazioni e/o prenotazioni è possibile chiamare lo 095.7102767 oppure il 334.9242464, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17. Oppure visitare il sito www.officineculturali.net.