Raccolta rifiuti – Verifiche a campione

raccolta-differenziata.jpgCon un comunicato stampa, l’Amministrazione Comunale ci informa che da lunedì 14 gennaio si stanno svolgendo delle verifiche a campione per controllare il regolare svolgimento della raccolta dei rifiuti.
I controlli non verranno effettuati solo sull’operato delle aziende che hanno preso in carico l’appalto di raccolta e pulizia, ma anche su cittadini che, non attenendosi alle norme, sporcano il suolo pubblico o che non conferiscono correttamente i rifiuti.

Una task force composta da ispettori della Direzione Ecologia e Ambiente da lunedì effettuerà verifiche a campione per controllare il livello del servizio di raccolta rifiuti e valutarne le eventuali inadempienze nell’ambito del progetto “Catania Pulita”, voluto dal sindaco Raffaele Stancanelli. Su disposizione del sindaco Raffaele Stancanelli e dell’assessore Carmencita Santagati, al termine di una riunione operativa, gli 007 della Direzione comunale Ecologia verificheranno giornalmente se in una determinata strada lo spazzamento è avvenuto a regola d’arte, se i cestini e i cassonetti sono stati svuotati o se alcuni servizi particolari, come il lavaggio dei cassonetti o il ritiro dei rifiuti ingombranti, sono stati svolti secondo le previsioni.
Spiega il sindaco Stancanelli: ”Un continuo monitoraggio garantirà un controllo suppletivo sul lavoro degli operatori ecologici che sortirà il duplice effetto: da un lato il Comune di Catania potrà controllare se le aziende che gestiscono l’appalto di raccolta e pulizia rispettano il contratto e a sua volta le due aziende IPI e OIKOS potranno monitorare il lavoro dei propri dipendenti e prendere gli adeguati provvedimenti sanzionatori in caso di accertate inadempienze”.
“Se ci sono  dipendenti che non lavorano, saranno subito sanzionati – ha osservato l’assessore all’Ambiente Carmencita Santagati. I nuovi controlli a campione saranno effettuati sia nei quartieri centrali, sia in quelli periferici.
 
Nuovo anno, nuova strategia messa in atto dall’amministrazione comunale per rispondere alle segnalazioni che pervengono da parte di cittadini spesso esasperati per la presenza di rifiuti in strada depositati sin dalle prime ore del mattino e dopo che i nostri operatori hanno pulito e scaricato i contenitori stradali.
Saranno aumentati i controlli anche su quei cittadini che sporcano le strade o conferiscono scorrettamente i rifiuti, che saranno prontamente multati.
“Proprio per questo – conclude l’assessore Carmencita Santagati – confidiamo sulla indispensabile collaborazione dei nostri concittadini. Il decoro urbano riguarda tutti da vicino, dato che tutti siamo chiamati a contribuire alla salvaguardia del nostro territorio e a mantenere pulita la nostra città. L’amministrazione comunale è fiduciosa e conta molto sul senso civico dei suoi cittadini e l’amore che tutti hanno per Catania”.

Si ricorda ai cittadini di rispettare le norme della civile convivenza:
– Usare i cestini stradali per lo scopo a cui sono destinati e solo per i piccoli rifiuti.
– Non abbandonare per strada i rifiuti ingombranti ma chiamare al servizio per il ritiro gratuito telefonando ai seguenti numeri verdi: 800594444 (solo la mattina dalle ore 7,30 alle 12,30 escluso domenica e festivi) se residenti nel centro storico, 800195195 per i residenti dei quartieri periferici oppure portarli nell’isola ecologica di Viale Tirreno aperta da lunedì a domenica dalle ore 9,00 alle 12,30 e nel pomeriggio (escluso la domenica) dalle ore 15,00 alle 17,30.
– Nelle passeggiate con il cane munirsi di apposita attrezzatura, sacchetti o palette, per l’immediata rimozione delle deiezioni canine che vanno depositate nei cassonetti della indifferenziata (colore grigio).
– Depositare i sacchetti contenti la spazzatura negli orari stabiliti dall’ultima ordinanza sindacale e precisamente dalle ore 17,00 alle ore 23,00 nei periodi invernali.

I trasgressori verranno sanzionati con una multa di euro 50.
 






Raccolta rifiuti – Verifiche a campioneultima modifica: 2013-01-16T07:00:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento