Festa d’Estate 2009 ai Benedettini

festaestate.jpgStasera al Monastero dei Benedettini si fa festa: dalle 18 fino a notte inoltrata, una serie di eventi di livello per la Festa d’Estate edizione 2009.

Si comincia alle 18.00, al Coro di Notte, dove Elvira Seminara, giornalista e docente alla Facoltà di Lettere di Catania, intervisterà Cristina Ali Farah autrice di “Madre Piccola”.

Alle 19.00 si continua con la letteratura, con la premiazione dei primi tre classificati nel concorso “Raccontare il Monastero”. La prima classificata, Luisa Santangelo, ha un blog che vi consiglio di andare a leggere (abbonandovi ai feed rss).

Alle 21.00 evento principale della serata Unirock Contest, concorso musicale per band emergenti

Infine alle 23.00 concerto, naturalmente gratuito, dei Brigantini, band ipernota a Catania anche per l’eccellenza dei corsi di “paternesi” del CEEEPU.

Catania Jazz Marathon 2009

jazzm.jpgCatania Jazz, dopo qualche amarezza, continua con il suo ottimo calendario di concerti.

Per il mese di luglio, gli appassionati catanesi sono attesi alla Catania Jazz Marathon, terza edizione. Quattro gli appuntamenti, dal 16 al 19 luglio, tutti presso l’Anfiteatro di Tremestieri Etneo. Ecco il calendario:

 

  • 16 LUGLIO SEBY BURGIO TRIO special guest ANTONELLA LEOTTA – MANOLA MICALIZZI BRASILIAN BAND – ROSALIA DE SOUZA BAND
  • 17 LUGLIO CLAUDIO QUARTARONE TRIO – SLASH – PAOLO DAMIANI – SALVATORE BONAFEDE NEW SEXTET
  • 18 LUGLIO BLASCO SMALL – COMBO SAMYR GUARRERA – ELIANE ELIAS QUARTET
  • 19 LUGLIO SANDRO FAZIO QUARTET special guest FRANCESCO BEARZATTI – ANTONIO FERLITO SOLO GUITAR – HIROMI QUARTET

L’abbonamento alle 4 serate costa 22 euro, mentre il biglietto per il singolo concerto è 11 euro. Le prevendite sono in questa pagina, mentre il programma completo è qui.

 

Festa Multietnica 2009

festamultietnica09.jpgDopo il migliaio di persone a partecipare nell’edizione “in grande stile” dello scorso anno, ritorna con la stessa ambizione di creare uno degli eventi più importanti nell’estate catanese la Festa Multietnica Caritas.

Sabato 4 luglio alle 20.30, presso l’anfiteatro delle Ciminiere (in piazzale Asia), ci saranno festeggiamenti in grande stile, con:

  • Danze e canti delle Mauritius
  • Musiche e canti della cultura Rom
  • La Taranta, danzatrice Margherita Badalà
  • Suoni mediterranei con gli Strummula

In particolare gli Strummula, uno dei migliori gruppi catanesi, sono assolutamente da non perdere.

Alle musiche e alle danze, si accompagnerà una cena multietnica, con piatti tipici di varie parti del mondo, e una lotteria di beneficienza con in palio un EEE PC Asus.

I biglietti li potete trovare presso:

  • Help Center della Caritas diocesana di Catania, in P.zza Giovanni XXIII (ang. V.le Africa)
  • Katane Palace Hotel , Via Finocchiaro Aprile, Catania
  • Erboristeria “Bottega di Lunga Vita”, V.le Ionio, 15 Catania
  • Bar Romeo, P.zza Galatea, Catania
  • Farmacia Peluso, V.le Ionio Catania
  • “Città del Sole” V.le Ionio, Catania

Tanta voglia di Volley a Catania

palacatania.jpgUn misto di orgoglio e amarezza: quando viene a giocare la nazionale di volley qui a Catania, sono questi i sentimenti che provano i catanesi. Li, sugli spalti del Palacatania, noi catanesi “amanti del volley” dimostriamo tutta la nostra voglia di Volley ad alto livello (beccandoci anche i complimenti del CT Anastasi “la WorldLeague la giocherei sempre a Catania” ha detto), la nostra cultura sportiva, dando una visione ben migliore di quella (in gran parte falsa) di città assediata dagli antisportivi che negli scorsi anni si è formata nel contesto calcistico (vedere 2 febbraio 2007). Considerando anche gli ottimi risultati delle giovanili, quest’anno ancora campioni regionali under 18, si stenta a capire perché il grande volley stia lontano da Catania.

Dopo la bella partita Italia – USA, persa 3 a 1 con nemmeno troppo demerito, fa rabbia pensare che su quel parquet l‘anno prossimo si ricomincerà dalla serie B1. Per fortuna ci sarà ancora Hugo Conte, ci sarà ancora un giocatore da A1 come Stefano Moro, e ci sarà il pubblico, magari non i 5000 presenti per la nazionale ma i pienoni quando la squadra dovrà essere “supportata” non mancheranno. Le energie per rinascere ci sono, quindi, ma restano dei punti oscuri: c’è la volontà politica di supportare gli sport minori in questa città che da volley, rugby, pallanuoto, pallamano, ha ricevuto tanto, tantissimo, e che invece ha sempre puntato (con pessimi risultati negli anni, riscattati dagli ultimi successi del Catania in A) sul calcio?

La vergogna internazionale del PalaCatania per 10 minuti totalmente al buio in una partita di WorldLeague fa solo rabbia. E la candidatura per ospitare le partite dei prossimi mondiali, se il pubblico l’ha ampiamente meritata, non la meritano gli impianti. Torneremo presto sul tema, nel frattempo, per fortuna, l’estate del Beach è molto lunga, e a Catania di solito se manca la luce non manca il Sole…