Toccata e Fuga – un dossier sulla musica catanese

toccataefuga.jpgCatania era la “Seattle d’Italia” 15 anni fa, una città cioè dove nascevano a ritmo incessante gruppi musicali di ottimo livello, in un ambiente fertile per nuove sperimentazioni e generi. Ma che fine ha fatto quella città in cui sembrava che tutti suonassero in una band? Dov’è finita la “Seattle d’Italia”?

In realtà a Catania la scena musicale è ancora attiva e ricchissima, solo che come Vincenzo Bellini 200 anni fa, i musicisti catanesi nella città natale fanno solo “toccata e fuga”: imparano a suonare con un proprio stile originale, lontano dalle logiche di mercato, “Indie” per natura prima che per scelta… E poi scappano, in giro per l’Italia per l’Europa e mezzo mondo, diventando spesso delle star, ma troppo poco conosciuti nella propria città.

L’associazione “Lavori in Corso” ha fatto il punto della situazione, intervistando i maggiori musicisti della scena musicale catanese del 2009. Il dossier, alla presenza di alcuni dei musicisti di cui si è scritto nel dossier, verrà presentato al GAPA in via Cordai 47 (traversa di via Plebiscito, san Cristoforo) venerdì 25 settembre alle 18.30

Toccata e Fuga – un dossier sulla musica cataneseultima modifica: 2009-09-21T08:44:31+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento