Come a New Orleans, per sette giorni

a dianne reeves.jpgUna volta la chiamavano la Seattle d’Europa, per la sua vivissima scena rock. Ma i bassi di Catania – e pure i suoi fasti – si sono spenti da un pezzo. Per sette appuntamenti, però, la città si riscoprirà come ogni anno capitale del jazz, da domani 16 novembre al 6 maggio.

Riapre i battenti Catania Jazz, storica rassegna del capoluogo etneo che da anni ormai strizza l’occhio a realtà internazionali. A riaccogliere il pubblico – più di 10mila le presenze dello scorso anno – domani sera al Teatro Metropolitan alle 21:30, sarà la cantante Dianne Reeves, in quartetto con Peter Martin al piano, Reginald Veal al basso e Terreon Gully alla batteria. La vincitrice di quattro Grammy Award – tra cui quello per la colonna sonora di Good Night, and Good Luck, film del 2005 diretto da George Clooney – è una delle voci jazz femminili più apprezzate al mondo, pur spaziando dal rhythm’n’blues al pop. La sua presenza sarà anche la prima di quattro esclusive nazionali di questa 27esima edizione.

Un programma che vedrà alternarsi sulla scena le più varie personalità del jazz internazionale. Tra conferme e originalità, dal pianista cubano Chucho Valdés ai «veterani» Overtone Quartet (Dave Holland insieme a Jason Moran, Chris Potter ed Eric Harland), passando per il giusto mix di jazz ed elettronica di Omar Sosa e l’improvvisazione di Lawrence Butch Morris. Senza dimenticare il fado del tutto personale e intimo di Cristina Branco e il contrabbasso e la voce della riccioluta Esperanza Spalding.

L’abbonamento per l’intera stagione è di 85 euro, più un fregalo. Fuori programma – a ingresso libero per gli abbonati – verranno presentati i nuovi album della catanese Agata Lo Certo e della siciliana d’adozione Beatrice Campisi. Qui trovate i prezzi dei singoli concerti e dove è possibile acquistare i biglietti.

[Foto: la stella del jazz internazionale Dianne Reeves, fonte Google]

Come a New Orleans, per sette giorniultima modifica: 2010-11-15T08:30:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento