Emergenza sbarchi: Berlusconi vola a Catania

Catania si prepara all’arrivo di Berlusconi. In un’atmosfera di certo diversa dalla festosa visita durante la campagna elettorale per appoggiare il suo ex medico e penultimo sindaco della città, Umberto Scapagnini. Il presidente del Consiglio, insieme al ministro degli Interni Roberto Maroni, è volato ai piedi dell’Etna per visitare un possibile centro di accoglienza in provincia di Catania, dopo i quasi mille sbarchi al giorno di cittadini tunisini a Lampedusa.

1222349969_79a32c639a.jpg«Possono sbarcare in 80 mila», ha dichiarato preoccupato Maroni. Nell’ultimo mese sull’isola sono arrivate almeno 5 mila persone, di cui più di 4 mila solo da giovedì a domenica. Nonostante la riapertura del centro di identificazione ed espulsione di Lampedusa, chiuso da marzo, è emergenza posti-letto. Nel centro siciliano – che potrebbe ospitare meno di mille persone – nelle ultime notti hanno dormito in più di 2 mila.

Berlusconi e Maroni oggi dovranno verificare la possibilità di utilizzo di una struttura a Mineo, in provincia di Catania. Una serie di case di proprietà degli Stati Uniti, che ospitavano i familiari dei militari della base americana di Sigonella.

[Foto di Vito Manzari]

Emergenza sbarchi: Berlusconi vola a Cataniaultima modifica: 2011-02-15T11:39:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento