Gli appuntamenti del fine settimana

Venerdì 7 Dicembre

PREMIO MAUGERI-AMENANO D’ARGENTO (ingresso gratuito)
Teatro Abc, via Pietro Mascagni, 92 / Catania

1+1=TRE – TEATRO
Teatro Guido Leontini, via Duca degli Abbruzzi, 6 / Catania

WOODSTOCK ROCK PARTY + LAMBRUSCO&POPCORN LIVE (ingresso gratuito)
349 Eat Drink Event, Vecchia D 16 / Catania


Sabato 8 Dicembre

CRISTINA DONÀ LIVE
Mercati Generali, SS 417 per Gela km 69 / Catania

CUT LIVE (ingresso gratuito)
Lomax, via Fornai, 44 / Catania

LO SCHIACCIANOCI
Teatro Metropolitan, corso S. Euplio, 23 / Catania


Domenica 9 Dicembre

POP-HARD OVVERO NON SONO ANDY WARHOL – ESPOSIZIONE COLLAGE (ingresso gratuito/fino al 30 Gennaio)
Teatro Coppola, via Del Vecchio Bastione, 9 / Catania

FOLLIE DEL VAUDEVILLE – TEATRO
Piccolo Teatro di Catania, via Ciccaglione, 29 / Catania

CAPPUCCETTO ROSSO – TEATRO
Teatro Piscator, via Sassari, 116 / Catania





Pronti, partenza, via! – Riapre l’aeroporto Fontanarossa

aeroporto internazionale fontanarossa, catania, turismo, viaggi, aperturaCome annunciato, a un mese esatto dall’inizio dei lavori, l’aeroporto Fontanarossa da oggi torna ai catanesi e ai numerosi turisti che affollano l’aeroporto internazionale in tutti i periodi dell’anno.

I lavori costati 20 milioni di euro alla Sac, consistevano nel rifacimento totale della pista che tra agenti atmosferici e problemi di altra natura non ne poteva proprio più! Tra i lavori eseguiti anche le strip laterali di sicurezza e la modifica della linea di scarico delle acque piovane.

Dopo numerose denunce da parte delle associaziomi dei consumatori e lamentele dei viaggiatori che per un mese sono stati dirottati all’aeroporto militare di Sigonella, i tempi sono stati rispettati e proprio oggi alle 18.30 atterrerà il primo aereo, proveniente da Roma. Ad attenderlo ci saranno giornalisti e fotografi che immortaleranno l’arrivo e l’inaugurazione del nuovo manto.

Da giovedì inoltre, torneranno a Catania anche le compagnie Lufthansa e British Airways che avevano rinunciato ad atterrare a Sigonella.


 




Ute Müller – La prima mostra in Italia

arte, mostra, personale, ute muller, prima data italiana, eventi, tempo liberoInaugurata il 27 ottobre e in esposizione fino al 30 dicembre, la prima personale in Italia di Ute Müller presso la Galleria Collicaligreggi.

Figura emergente dell’effervescente scena viennese rappresentata da artisti che da diverse angolazioni affrontano questioni estetiche ricercandone i principi nella quotidianità, un pensare e un agire profondamente radicati alla vita.

La Müller in occasione della mostra siciliana presenta nuovi lavori e analizza la relazione tra l’arte astratta e la vita reale esaminando il rapporto tra spazio pittorico e spazio umano. L’insieme delle opere allestite in galleria – dipinti, strutture architettoniche, elementi scultorei – definisce un luogo all’interno del quale lo spettatore viene subito catturato dalla bellezza di una pittura che fonda le sue origini nella storia dell’astrazione novecentista. Ma è solo un’enfasi, un attimo rubato alla passione, subito dopo messo in crisi da una più attenta e critica osservazione, palesando in ciò l’attitudine dell’artista viennese di mettere in discussione e minare tale tradizione.

I dipinti, elementi catalizzanti e fulcro dell’installazione, sono apparenti monocromi (virano dal grigio al blu) che lentamente svelano i diversi livelli di pittura in essi contenuti. Gli elementi scultorei sapientemente allestiti in prossimità dei dipinti, suggeriscono differenti punti di vista che consentono di definire frammenti di spazio, risolti solo nel rapporto che l’opera stabilisce con l’occhio, inizialmente spaesato e incuriosito, di chi li guarda.

Lo spettatore si confronta con processi frammentari e individua diverse “vedute” che come ponteggi costruttivisti fatti di linee guida dello sguardo, orientano il suo vedere rispetto a uno spazio pittorico apparentemente illeggibile.

I suoi dipinti sono in sospensione tra stabilità e volatilità, sono opere in cui sono evidenti più livelli di pittura, autonomi, disposti a fianco a fianco, in grado di influenzare il viaggio dello spettatore all’interno dello spazio pittorico. Un gioco poli-prospettico nel quale si intrecciano tutte le istanze dell’illusorio e del reale, in cui poesia e narrazione trovano il giusto equilibrio rispetto a necessità più fisiche, concrete, un luogo in cui l’uomo rimane il punto di riferimento centrale in sospensione tra illusione e realtà.