Con Cipe si può

4032201393_c64c0f2650.jpgC’è stato un periodo in cui Catania era una città allo sbando. Le strade al buio, i lavoratori senza stipendo, circa 357 milioni di buco nel bilancio comunale. La questione si era risolta con un aiuto dall’alto: la promessa di 140 milioni di euro dal Cipe (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica). Parliamo di due anni fa e i catanesi, distratti per abitudine, sembrano non ricordarsene più. Ma i soldi sono arrivati? L’iniezione è bastata a rimettere in salute il Comune etneo?

Ieri il sindaco Raffaele Stancanelli ha rassicurato quei pochi che ancora si ponevano la domanda: proprio qualche settimana fa è stata accreditata l’ultima parte dell’El Dorado. «Attraverso queste risorse abbiamo rimesso in moto la macchina. – ha affermato il primo cittadino – Dobbiamo continuare a fare dei sacrifici, ma sicuramente questa boccata di ossigeno che si è tramutata in due anni di attività rigorosa ci ha dato grande possibilità di ripresa e penso che a Catania la ripresa si stia vedendo». Ma la luce che è tornata nelle strade – pagati i debiti con l’Enel – basterà a far brillare di nuovo la città?

(Foto di ManiaFotografica)

Sfratto Andrea Doria “teniamoci pronti”

mammedoria.jpgIl GAPA, storica associazione che da oltre 20 anni ha sede proprio accanto alla scuola media Andrea Doria in via Cordai, a San Cristoforo, ricorda ai catanesi che il momento della “verità” è giunto: domani potrebbe esserci lo sfratto definitivo. Di seguito la mail che è stata inviata a centinaia di catanesi, e che pubblico nel tentativo di rendere questa vicenda un tantino più visibile, nella estrema sua gravità.

Teniamoci pronti

Domani mattina 8 luglio, se la sciagurata amministrazione catanese oggi non rispetta gli impegni presi con la proprietà del plesso della Scuola media Doria a S.Cristoforo e paga gli arretrati dell’affitto di questi ultimi anni (180 mila euro), un ufficiale giudiziario sarà costretto a cancellare e a chiudere uno degli ultimi pezzi dello Stato, uno degli ultimi presidi democratici, uno degli ultimi luoghi del quartiere in cui genitori e figli possono costruire cultura e nuove relazioni.
Mentre Laura soffre in ospedale solo per essersi trovata in piazza Dante giovedì scorso, vittima della violenza che produce ogni giorno la nostra città, mentre le istituzioni usano le parole solo per spargere fumo e coprire le proprie responsabilità, mentre ci sono  quartieri dove i più piccoli giocano in parchi giochi pieni di topi e utilizzati solo per lo spaccio, noi non possiamo restare indifferenti.
L’amministrazione comunale di Catania se non adempie al suo dovere con la proprietà e permette la chiusura della Doria si macchierà di un crimine immenso di cui dovrà pagare le conseguenze.
Lo Stato che decide di chudere se stesso a S.Cristoforo: è inconcepibile!
Noi, se oggi 7 luglio non ci saranno novità, domani giovedì 8 luglio dalle ore 8.00 difenderemo in via Cordai a S.Cristoforo la Scuola Statale A.Doria.

Sulle partecipate comunali, stasera Cittàinsieme

Immagine 1131.jpgDoveva partecipare Sicali, l’assessore del comune di Catania che si occupa delle aziende partecipate e municipalizzate – cioé AMT, Sidra, Multiservizi Acoset ecc… – ma non ci sarà, un ripensamento “in corsa”.

A Cittàinsieme però l’assemblea hah deciso di farla comunque, per informare i cittadini anche in assenza di un rappresentante dell’amministrazione. Rappresentante che dovrebbe rendersi disponibile in un futuro non troppo remoto. Nel frattempo, oggi lunedì 22 marzo in via Siena 1 a Catania alle 20.15 si parlerà dell’efficienza diq uesti servizi “esterni” all’amministrazione, ma fondamentali per la vita cittadina. Di seguito la nota di Cittàinsieme.

Vuoi sapere perché l’AMT e le aziende partecipate del Comune di Catania sono sempre in perdita ed inefficienti?

Prendendo spunto dal recente intervento della Corte dei Conti in merito alla necessità di adottare misure correttive sulle Partecipate per permettere al Comune di uscire realmente dalla crisi, ed alla luce delle allusioni che attraverso gli organi di stampa il Sindaco avrebbe fatto riguardo all’influenza della politica ed alla spartizione delle poltrone che in passato hanno caratterizzato gli assetti delle aziende Partecipate, CittàInsieme ha ritenuto opportuno organizzare un incontro pubblico, aperto a tutti i cittadini, per fare chiarezza sui rimedi che è necessario adottare per rendere finalmente funzionanti, efficienti ed economicamente virtuose le aziende del Comune (Amt, Sostare, Sidra, Asec, Asec Trade, Multiservizi, InvestiACatania).

Con nostro grande disappunto, non sarà presente il Prof. Angelo Sicali (Assessore alle Aziende Partecipate del Comune di Catania) che aveva accettato il nostro invito ad intervenire. L’Assessore sarà sostituito da una sagoma umana alta un metro e ottanta sulla quale incolleremo tutti i bigliettini con le domande e  le proposte che avremmo voluto rivolgergli di persona.
Per favorire il dibattito verranno illustrate a cura di CittàInsieme delle relazioni sullo stato economico di ciascuna Partecipata.

L’incontro sarà trasmesso in diretta via internet, dal sito www.cittainsieme.it e da qualsiasi altro sito che copierà il codice html che si allega alla presente.


Traffico, parcheggi e mezzi pubblici

traffico_ct.jpgSiamo al limite del sopportabile: a Catania il traffico è da incubo, i mezzi pubblici non funzionano, i lavori per la nuova metropolitana chissà quando finiranno e nel frattempo il Comune manda in giro gli ausiliari del traffico per fare le multe che i vigili urbani non fanno. Se a questo aggiungiamo i “classici” posteggiatori abusivi il bel quadro è completo. Notizia di ieri, la polizia di stato è andata in giro per Catania a multare i posteggiatori abusivi, trovandone ben 5 nelle zone di via S. Maria la Grande, via Beato Bernardo, via Pola e via Gambino. A ciascuno una multa di soli 709 €. Nel frattempo in molte zone del centro sono stati messi dei “paletti” per far rispettare il divieto di sosta: il risultato spesso è stato che questi sono stati smontati per consentire comuqnue il posteggio, con gravi danni alla circolazione. Gli autisti dal posteggio “selvaggio” raramente vengono multati, al cointrario di chi ritarda pochi minuti nel sostituire il tagliando delle “strisce blu”, disseminate ovunque in città – spesso da un lato ci sono le strisce blu, dall’altro i posteggiatori abusivi, come in piazza Dante, ma mentre le multe a chi non ha il tagliando sostare vengono regolarmente effettuate nessuno si preoccupa di “cacciare” i posteggiatori abusivi. E se per evitare tutti questi inconvenienti da posteggio volessi prendere l’autobus? L’AMT, l’Azienda Municipale Trasporti, è un disastro con 90 milioni di euro di debiti, un parco vetture vecchissimo, – vetture guidate da autisti eroici, visto che guidano in una città perennemente imbottigliata –  e questo ha come conseguenza una delle “medie” di velocità più basse mai sentita: 12 km/h. Praticamente come andare a piedi. Nel frattempo l’amministrazione comunale ha annunciato che il 4 dicembre verrà riaperto il Corso Sicilia, dove sono in corso i lavori per la metropolitana, ma noi cittadini non siamo tenuti a sapere quando la metropolitana sarà funzionante anche in questo tratto.