Il Nievski festeggia Tuentifaiv

nievski catania.jpgAuguri Nievski! Lo storico pub catanese (via Alessi 15/17) compie 25 anni. E festeggia a modo suo. “Ebbene sì, siamo vecchi ma ancora vivi”, sta scritto sul sito. Tuentifaiv è la festa organizzata per stasera, per “i soliti” ma anche per i curiosi.

O soprattutto per chi è troppo giovane per aver vissuto i momenti d’oro di quello che è stato il primo pub etneo, fondato nel 1986. Frequentatissimo, leggendaria è la sua sala relax: libri e giochi da tavolo con cui intrettenersi, magari sorseggiando qualcosa.

Suggestiva è poi la posizione del locale: lungo la scalinata Alessi, a due passi da via Crociferi, uno dei più apprezzati esempi di barocco catanese.

Chicca finale, i festeggiamenti sono in puro stile catanese: dalle 23 in poi, è previsto un arrusti e mangia.

[Foto: di Nievski]

 

Sant’Agata 2011: una festa tutta da scattare

5076464070_fc0a9d2cce.jpgSemu tutti devoti tutti? Catania si prepara alla festa di Sant’Agata. I cittadini si dividono tra i devoti, i curiosi e gli insofferenti ai festeggiamenti, religiosi e folkloristici. Su un punto però sono tutti d’accordo: con i fuochi del Borgo, i colori della folla e delle bancarelle, si tratta di tre giorni di spettacolo. Particolarmente attesi soprattutto dagli appassionati di fotografia. Così sono già molte le proposte di mostre e percorsi organizzati. Eccovene due.

Da oggi alle 18 fino al 20 febbraio, al palazzo Platamone (via Vittorio Emanuele, 121), sarà visitabile la personale del fotoreporter etneo Antonio Parrinello, Sant’Aituzza, dal vezzeggiativo con cui i catanesi chiamano con affetto la patrona. Un viaggio in bianco e nero, i colori della città – con la luce che si riflette sulla pietra lavica di palazzi e monumenti – ma anche il bianco dei sacchi indossati dai devoti e il nero delle coccarde appuntate sopra. I momenti della festa e i cittadini che la animano fissati su 35 instantanee, scattate negli ultimi dieci anni e stampate su carta per ottenere un effetto più naturale. La mostra sarà visitabile durante la settimana dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19,30; la domenica solo la mattina dalle 9 alle 13. Nei giorni della festa, dal 3 al 5 febbraio, apertura straordinaria: dalle 9 alle 24

Se invece siete proprio degli appassionati e vi piacerebbe provare a scattare delle immagini dei festeggiamenti, il gruppo Triquadro organizza un workshop apposito, Festa di S. Agata:un’esplosione di devozione (sul sito trovate tutte le informazioni e il modo per iscriversi). Un percorso, macchina fotografica alla mano, guidati da Sandro Santioli, noto fotografo e fotoreporter toscano. Collaboratore di numerose riviste italiane ed estere – provate a sfogliare National Geographic Italia -, Santioli spazia dai lavori creativi a quelli per riviste specializzate nel settore turistico, per cui è stato anche editore e photoeditor. Un gruppo di massimo dieci persone si incontrerà mercoledì 2 febbraio in una cena di presentazione per fare conoscenza. Dall’indomani, si comincia a scattare. La mattina del 3 febbraio durante la processione di offerta della cera e il pomeriggio tra le vie del centro storico. Il 4 e 5, invece, si segue la Santa, dall’uscita dalla cattedrale all’alba alla processione per le vie della città, soprattutto nei momenti più coinvolgenti come la salita di San Giuliano e l’ultima notte di festa prima del rientro in chiesa.

[Foto: un momento di uno dei workshop fotografici organizzati da Triquadro a Catania, di Deborah Lo Castro per Triquadro]

 

Festa Multietnica Caritas

Immagine-1185.jpg

Anche quest’anno la Caritas di Catania proporrà, per la quarta volta consecutiva, la

Festa Multietnica Sabato 19 Giugno ore 20,30
Anfiteatro Le Ciminiere Ingresso Gratuito

Balli, canti, musica, colori e sapori dal mondo.
Un “mare” che unisce i popoli.
Una “zattera” piena di amici in festa.
Gioia per persone che si ritrovano separate da distanze, ma unite dalla voglia di stare insieme.

Danze e canti dai cinque continenti. Musica e canti dalla cultura Rom. Suoni mediterranie con gli Scanzunati

Cena Multietnica un’occasione per avvicinarsi ai sapori di culture differenti dalle nostre, grazie alla degustazione di alcuni piatti tipici.

Festa del verde a Librino

festa_verde.jpg Domani, sabato 3 aprile alle ore 10, organizzata dal centro Iqbal Masih, si terrà a Librino la manifestazione “Festa del verde”.

Genitori e bambini pianteranno decine di piante, assumendosi l’impegno di curarle personalmente
Sabato 03 aprile 2010 – Viale Moncada 5 a Librino, Catania
Manifestazione organizzata da Rifondazione Comunista e dal centro sociale Iqbal Masih di Librino.


Festa del verde a Librino


Per protestare contro il disimpegno dell’amministrazione comunale, che da anni ha lasciato il quartiere in uno stato di abbandono e di degrado.

Genitori e bambini pianteranno decine di piante in viale Moncada n. 5, assumendosi l’impegno di curare personalmente il verde.

L’iniziativa intende essere una risposta autogestita all’incuria della giunta che in questi anni non è riuscita a realizzare le previsioni del piano di zona, ed in particolare la parte più qualificante riguardante  il verde attrezzato e le strutture sportive e culturali.

I cittadini scendono quindi in campo per realizzare in prima persona ciò che può qualificare il quartiere e renderlo più vivibile.

NO PIZZO, SI’ PARTI! 11 febbraio

nopizzo_siparti.jpgLa festa di Addiopizzo si chiama “No Pizzo, Si Parti!” facendo il verso a George Clooney e al Martini: il pizzo è una piaga da combattere, ogni occasione è buona per ricordarlo. Questa volta i ragazzi del movimento antimafia lo faranno con il divertimento. Rock and Roll e Beat con il concerto di François e le coccinelle e a seguire dj set di Trilateral. Ma come sempre spazio all’informazione, al volontariato e alle associazioni, con banchetti informativi.

Il grande evento è per giovedì 11 febbraio ore 22.00 al Centro Zo, in piazzale Asia.

Si entra gratis, previa sotoscrizione ad Addiopizzo. La serata è stata organizzata in collaborazione con Radio Zammù, e naturalmente il Centro ZO.

Palio delle Municipalità per Sant’Agata

santagata.jpg

Un Palio a Catania: no, non si parla di corse di cavalli – quelle ci sono già un po’ ovunque in città – ma di una corsa, di una gara fra le municipalità, rappresentate da ragazzi dei vari quartieri catanesi. Un’idea originale, che è stata annunciata pochi giorni fa dall’amministrazione comunale, in collaborazione con il comitato per i festeggiamenti per la Festa. Una buona notizia riguardante la Festa dei catanesi finalmente, Festa che negli ultimi anni si è svolta nell’anarchia più totale. O meglio, più che anarchia, i clan mafiosi catanesi si sono troppo spesso sostituiti all’amministrazione cittadina nella sua gestione. Forse è un piccolo sengale di cambiamento.

Domenica 31 gennaio 2010 si correrà a Catania, in concomitanza con il 48° Trofeo Sant’Agata, il 1°Palio delle Municipalità. Duecento ragazzi di età compresa tra i 10 e i 13 anni,venti di ambo i sessi per ciascuna Municipalità, parteciperanno ad una gara podistica non competitiva che si disputerà nel centro cittadino su una distanza di 2,5 km. con partenza da Piazza Università.

Il “Palio delle Municipalità” partirà alle ore 10, un’ora prima del Trofeo S.Agata, e vedrà protagonisti i ragazzi prescelti dalle Municipalità con la supervisione del C.U.S Catania. Le squadre indosseranno maglie di colori diversi: ogni Municipalità sarà rappresentata da un colore. I vincitori del Palio porteranno nella propria Municipalità il famoso (?) Drappo del Palio prodotto artigianalmente nel 1947 con stampato il simbolo della Città di Catania: il Drappo resterà alla Municipalità per tutto l’anno, fino alla successiva edizione.

Prima festa provinciale ANPI Catania

anpi.jpgDomani presso il cortile della CGIL a Catania, in via Crociferi, si terrà la prima festa provinciale dell’ANPI, l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia. Naturalmente, non si tratta di una “festa” in senso stretto, sarà soprattutto un modo per ricordare chi erano i partigiani, la lotta alla dittatura fascista, la liberazione dall’occupazione nazista, ma non solo: si parlerà soprattutto di impegno civile a Catania. Insomma, niente a che vedere con un raduno degli alpini, non ci saranno vecchi commilitoni a raccontarsi le proprie memorie fra litri di vino – anche perché i partigiani ancora in vita sono davvero pochi – ma una serie di incontri molto interessanti sulla Resistenza e la difesa dei diritti civili oggi, anche con gli stand di alcune associazioni catanesi. Di seguito il programma.

Dalle lotte della Resistenza alla difesa dei Diritti Civili di oggi
Dal 24/10/2009 al 25/10/2009 – ore 17:00 – Chiostro e salone “S. Russo” CGIL, via Crociferi 40.

Sabato  24 ottobre

ore 17.00  
Proiezione del documentario  Fascisty Legacy – i crimini di guerra durante la dittatura fascista
presentazione: Claudio Longhitano  – segreteria prov. Anpi

ore  18.00
Presentazione della Festa  
Nunzio De Francesco – Presidente provinciale ANPI Catania

ore 18.30
Rapporti tra mafia e politica in Sicilia dal dopoguerra ad oggi
La Resistenza siciliana alla mafia, dalle lotte contadine ad oggi (dedicato a Peppino Impastato e Pio La Torre)
presentazione: Claudio Longhitano – segreteria prov. Anpi
partecipano: Giovanni Impastato – Associazione Peppino Impastato, Casa Memoria, Lucio Lo Monaco – Presidente Centro Pio La Torre , Pino Maniaci – Telejato, Rosa Maria Di Natale – giornalista
coordina: Antonio Pioletti – Università di Catania
segue dibattito

ore  21.30
Lettura e canti delle  Resistenze
voce recitante: Elio Gimbo
gruppo musicale:  Stefano Sciotto – voce  e chitarra, Francesco de Francisco – voce e chitarra

Domenica  25 ottobre

ore 9.30 / 13.30
Mercatino di prodotti agricoli di produttori del biologico

ore 11.30   
Performance itinerante: Sicuri di morire  di “Randagio Clandestino”

ore 17.00
Proiezione di due documentari a cura della redazione di Telestrada Catania sulla condizione dei migranti e dei Rom       presentazione: Maria Merlini – segreteria prov. Anpi 

ore 18.00
Antirazzismo, solidarietà, diritti ed accoglienza ai migranti. Valori, progetti ed esperienze a confronto
presentazione: Domenico Stimolo – segreteria prov. Anpi
partecipano: Elvira Iovine – Centro Astalli, Caritas Catania, Filippo Finocchiaro – Asgi, Hassane Mamri – Arci, responsabile reg. immigraz , Giusi Milazzo – Cgil, Telestrada – Redaz.Scarp dè Tenis,  Luciano Nigro – Lila, Convenzione per la Pace, Bafilio Nuto  – Ass. Concordia,  Barbara Crivelli – Rete Antirazzista catanese,  Angela Lupo – CIR (Consiglio Italiano per i rifugiati), rappresentanti di migranti, Simonetta Cormaci – Amnesty International
Intervento: Fulvio Vassallo Paleologo – Università di Palermo – su “diritti  fondanti dei migranti e strumenti di tutela” 
coordina: Pinella Leocata – giornalista
segue dibattito

ore 21.30
Spettacolo musicale: concerto  di musiche e canti dell’ impegno sociale  e della tradizione siciliana
con: Matilde Politi e Simona De Gregorio – voce, chitarra, fisarmonica, tamburello, marranzano

ore 23.00
Esibizione del gruppo senegalese DOMMI TIALAW PERCUSSION

All’interno della festa sarà presente un punto di ristoro  

Saranno allestiti tavoli e stand divulgativi a cura di strutture associative della rete civile, sociale ed informativa di: Amnesty International, Arci, Agrinova, Briganti Librino-Centro Iqbal Masih, Catania Possibile, Centro Astalli, CittàInsieme, Frazioni in Movimento, GreenPeace, I Cordai-Gapa, La Città Felice, Lapilli, l’Arcobaleno, Legambiente, Libera, Lila, Open Mind Gblt, Udi, WWF.

Mostra fotografica sulla Lotta di Liberazione
Si ringrazia per la collaborazione: CGIL, Fiom, Nievski, Bio, Agrinova, Apo, Agesind, CIA, Ferabio, Cuecm, Cinestudio, Lomex, Metro’, Magma, Zo, Multikulti.