Catania in “Prima”vera

primavera_468.gif“Il programma esprime al meglio il senso di una città vivace e dinamica, dall’offerta culturale e per il tempo libero particolarmente ricca, che riconferma come Catania sia uscita dal lungo inverno per ritrovare il calore e la gioia della primavera.

Ecco perché abbiamo voluto chiamare questo cartellone che accompagnerà i catanesi e i turisti “Catania in Prima…vera”. Ma è anche una “Prima” per un cartellone primaverile: un modo sereno per mettere Catania in “primo piano” con le sue cose “vere” e non legate all’effimero e all’apparire. Ogni giorno, nei nostri splendidi palazzi, nei nostri musei, lungo le strade, alla Villa Bellini, c’è qualcosa di interessante da fare, da vedere o da ascoltare.

Tutto ciò è stato ancora una volta possibile grazie all’intensa e convinta collaborazione delle nostre maggiori istituzioni culturali: il Teatro Massimo Bellini, il Teatro Stabile, l’Istituto Musicale Vincenzo Bellini. Così come prezioso è l’intervento dei ragazzi delle nostre scuole che seguiamo con simpatia e tutti gli altri partners di questo ricco calendario di appuntamenti, realizzato all’insegna della condivisione e della collaborazione, con spese minime.

Una scommessa culturale che è anche organizzativa, con enti diversi tra loro che, come fatto ormai di normalità lavorano assieme per un fine unico: scegliere Catania.

Per questo ora è diventato finalmente normale che Catania abbia un’offerta culturale e di eventi unitaria da offrire ai turisti e ogni giorno, pur fra le difficoltà che l’Italia sopporta, è diventata anche un’ottima ragione per i cittadini di sentirsi orgogliosi di essere catanesi, riscoprendo il gusto di appartenere alla propria città. Tutto questo fino al 20 giugno. Perché dal 21 comincia l’Estate.

E quella, si sa, è un’altra storia che anche quest’anno a Catania racconteremo assieme”.

È con queste parole che il sindaco Raffaele Stancanelli presenta il ricco cartellone nell’ambito di “Catania in PRIMAvera” che mette in risalto la città di Catania e le sue infallibili armi: musei, siti culturali, storia e turismo.

Un richiamo forte per cittadini e turisti che avranno l’occasione di conoscere e vivere in toto la città.

Svariati gli appuntamenti per tutti i gusti che troverete in programma, oguno dei quali assolutamente da non perdere!

Buon divertimento!


XIV Settimana della Cultura

settimanacultura.jpgMusei, monumenti, ville, biblioteche, aree archeologiche, archivi storici e siti statali spalancano le porte ai visitatori per la nove giorni mirata a valorizzare i beni culturali del nostro paese.

Per la sua quattordicesima edizione, la Settimana della Cultura dà appuntamento dal 14 al 22 Aprile agli interessati di storia, arte, cultura. 

Per l’iniziativa del Ministero dei Beni Culturali fioccano migliaia di appuntamenti a Catania e provincia e in tutta l’isola con ingresso gratuito o ridotto: mostre, convegni, laboratori, visite guidate, concerti

Qui trovate i siti e le piantine dei musei di Catania.

Qui la brochure delle iniziative della XIV Settimana della Cultura in tutto il territorio siciliano.



I musei in primavera costano la metà

cornice.gifCari catanesi (e non!) è appena trascorso il primo fine settimana di primavera e come la natura usa svegliarsi, anche la cultura nella nostra città fiorisce. 

Dal fine settimana appena trascorso ha preso vita un’iniziativa che sono sicura farà brillare gli occhi a molti di voi.

Tutti i weekend di primavera sarà possibile visitare i musei della Provincia Regionale di Catania a costo dimezzato

L’iniziativa “Primavera al museo” presentata dal Presidente della Provincia Catania, Giuseppe Castiglione, mira alla rinascita culturale della città, rilanciandone il valore sociale, come da lui stesso dichiarato.

I biglietti saranno ridotti per tutti e gratuito per chi usufrisce già della riduzione. Inoltre, verrà istituita dalla provincia una card mensile che consentirà di visitare tutti i musei di proprietà della provincia.

Approfittatene!


Notte bianca, sabato 19 settembre

cattedrele_notte.jpgNotte bianca, in giro per la città vagando fra i monumenti del centro storico… Non c’è nulla di nuovo per i catanesi, abituati a fare “notti bianche” in centro praticamente ogni giorno della settimana… C’è di diverso che questa volta la provincia e il comune aiutano i catanesi non solo a girovagare fra i locali, ma se vogliono a farsi un po’ di cultura. Musei aperti e spettacoli a orari insoliti, questo significa soprattutto “notte bianca”, evento che si svolgerà nella notte tra sabato 19 e domenica 20 settembre. Di seguito, l’elenco dei musei da poter visitare, con visite guidate ogni mezzora, dalle 19.00 fino all’1.00:

  • Palazzo della Cultura – via Museo Biscari 11
  • Museo Civico Castello Ursino – P.zza Federico di Svevia
  • Museo Belliniano – P.zza San Francesco d’Assisi 3
  • Museo Emilio Greco – P.zza San Francesco d’Assisi 3 
  • Chiesa di San Nicola L’Arena – P.zza Dante
  • Museo del Mare – P.zza Ognina 14 
  • Archivio Storico – Via Sant’Agata 2

Per quanto rigurada gli spettacoli:

  • 19.30 / 20.30 A PIAZZA DUOMO –  BASKET E SOLIDARIETA’
  • 21.00 / 23.30 TEATRO GRECO ROMANO FESTIVAL BELLINIANO  – LA NORMA
  • 21.00 / 22.30 PIAZZA CASTELLO URSINO – ARPA E LIRICA
  • 21.00 / 23.30 PALAZZO PLATAMONE – RITMO E MUSICA
  • 22.00 / 02.30 PIAZZA UNIVERSITA’ – CONCERTO LIVE
  • 02.30 / 04.00 PIAZZA UNIVERSITA’ – DISCO LIVE

Ferragosto a Catania

giopuo_catania.jpgA Catania, città di mare, come ogni anno per il Ferragosto la Playa verrà presa d’assalto: praticamente ogni stabilimento balneare negli oltre 3km della principale spiaggia catanese ha organizzato delle serate a suon di musica per far divertire i propri utenti. Ma ci saranno come ogni anno soprattutto i “fai-da-te”, i catanesi che all’ultimo momento si armeranno di tenda sacco a pelo alcolici e legna per passare una notte un po’ pazza attorno al fuoco. Questa volta però, assicura il sindaco Stancanelli, vigerà il divieto categorico di accendere fuochi o costruire “capanne” in spiaggia. Anche in tutti gli altri comuni siciliani i sindaci danno le stesse rassicurazioni, solo che una rassicurazione del genere data a Catania non si sa come verrà fatta rispettare vista la situazione di nuovo di urgenza delle casse comunali (sono ricominciati i black out programmati) e la carenza cronica di polizia municipale. E non meno importante, la memoria storica di quanto succede ogni anno alla Playa non fa ben sperare: risale al 12 agosto di due anni fa l’episodio del cavallo massacrato a bastonate.

Fra falò mancati e preoccupazioni, segnalo una iniziativa che dovrebbe essere attuata fra non molto tempo, promossa dal Sindacato Italiano Balneari e “fatta propria” dall’assessorato regionale al Turismo e Trasporti: una mega scritta sulla spiaggia visibile dagli aerei in arrivo a Fontanarossa “Benvenuti in Sicilia, la terra del mito”. Buon Ferragosto a tutti, catanesi e non.