Dalla Tillandsia al bambù, piante e fiori rari si mettono in mostra

Ci sono le piante che mangiano l’aria. E i bambù, il pranzo preferito – anche perché l’unico – dei panda. Poi una quantità di camelie da far girare la testa e l’aloe sudafricana.

Se siete appassionati di giardinaggio o solo curiosi, per questo fine settimana tenetevi liberi. Nei Vivai Valverde (via dei Belfiore 111, Valverde), appena fuori il centro di Catania, sabato e domenica ci sarà Ciuriciuri. Non una rassegna di musica folkloristica, ma la prima mostra mercato di piante e fiori rari in Sicilia orientale. Una flora insolita, esposta da vivaisti collezionisti di tutta Italia. Una possibilità per dare un’occhiata a felci e gelsomini come non li conoscevamo, ma anche per acquistare piante particolari che non si trovano facilmente in commercio.

tillandsia.jpgOltre all’esposizione, sono previste anche due mostre: le foto di Ferruccio Carassale – noto fotografo di giardini, interni e viaggi – e la personale di pittura del catanese Alfio Pappalardo, pittore degli elementi naturali. Sempre Carassale terrà anche un corsoFondo Ambiente Italiano. di fotografia di giardini. Solo su prenotazione, per un massimo di 15 allievi e al costo di 40 euro per due lezioni da due ore, sabato e domenica. Poi, ancora, letture poetiche e incontri, come quelli di oggi, giornata dedicata alla presentazione: si discuterà di giardini storici, della tradizione dei vivai in Sicilia e del ruolo di tutela del

Le protagoniste sono però le piante. Le camelie del generale, più di 250 varietà originarie di Velletri e coltivate con metodo per la prima volta da Ettore Rolando, generale di Artiglieria in pensione. I bambù di Michele Carretta e l’albero dell’aloe originario del Sud Africa. Ma le vere regine sono esotiche, vengono da oltreoceano e sono studiate e ammirate da esperti e amatori: le Tillandsie.

Piante senza radici, si nutrono di aria. Parte dell’azoto necessario per la loro sopravvivenza è fornito anche dalle formiche: i piccoli insetti usano la pianta come riparo e, in cambio, regalano all’amica verde i loro preziosi scarti. E fanno bene anche all’uomo. Puliscono l’aria, trattenendo parte dell’inquinamento atmosferico prodotto dai riscaldamenti e dalle nostre macchine. Ma sono utili anche in casa: pensate al fastidioso e dannoso fumo della sigaretta che si attacca alle pareti. Ad assorbirlo – anziché i nostri polmoni – ci pensano le Tillandsie.

Per vederle da vicino, preparate il pollice verde e date un’occhiata al programma completo della mostra.

[Foto: la Tillandsia, di HK James Ho]

 

Festa del verde a Librino

festa_verde.jpg Domani, sabato 3 aprile alle ore 10, organizzata dal centro Iqbal Masih, si terrà a Librino la manifestazione “Festa del verde”.

Genitori e bambini pianteranno decine di piante, assumendosi l’impegno di curarle personalmente
Sabato 03 aprile 2010 – Viale Moncada 5 a Librino, Catania
Manifestazione organizzata da Rifondazione Comunista e dal centro sociale Iqbal Masih di Librino.


Festa del verde a Librino


Per protestare contro il disimpegno dell’amministrazione comunale, che da anni ha lasciato il quartiere in uno stato di abbandono e di degrado.

Genitori e bambini pianteranno decine di piante in viale Moncada n. 5, assumendosi l’impegno di curare personalmente il verde.

L’iniziativa intende essere una risposta autogestita all’incuria della giunta che in questi anni non è riuscita a realizzare le previsioni del piano di zona, ed in particolare la parte più qualificante riguardante  il verde attrezzato e le strutture sportive e culturali.

I cittadini scendono quindi in campo per realizzare in prima persona ciò che può qualificare il quartiere e renderlo più vivibile.