Cittadinanza onoraria ad Antonio Presti

Immagine 1006.jpg

Finalmente la cittadinanza onoraria della città ad Antonio Presti, fondatore dell’associazione culturale Fiumara d’Arte. La cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria di Catania a Presti si terrà sabato 5 dicembre alle ore 10,00 a Palazzo degli Elefanti.

Antonio Presti non ha comunque bisogno della “formalità” dell’onorificenza per essere considerato ormai un catanese a tutti gli effetti: le sue iniziative – dal “cero infuocato” dell’artista Pomodoro alla grandissima promozione di Librino, il quartierone popolare a sud di Catania, avvenuta con l’inaugurazione ( a spese di Fiumara d’Arte) della “Porta della Bellezza”, lo accredtino di diritto non solo fra la cittadinanza ma come figura di rilievo in questi panorama catanese così povero di personaggi poisitivi.

«Con le sue iniziative legate al mondo dell’arte – queste le motivazioni all’onorificenza del sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli – Presti ha contribuito alla diffusione positiva dell’immagine della Sicilia anche fuori dal territorio nazionale. E’ un artista puro e infaticabile che ha scelto il quartiere di Librino dal 2002 come spazio creativo per farne un Museo a cielo aperto».

Antonio Presti e la sua “Fiumara d’Arte” hanno ancora tanti progetti per Librino, come quello faraonico in collaborazione con il fotografo di fama internazionale Reza: ne sentiremo parlare fra qualche tempo…

Torna la Fiumara di Bici – domenica 25 ottobre

308805422.jpgDopo averla visitata in notturna con la Critical Mass, questa volta la fondazione Fiumara d’Arte organizza una gita in bici alla Porta della Bellezza per domenica 25 ottobre. In collaborazione con “Etna Free Bike”, la gita che prende anche questa volta il nome di “Fiumara di bici“, partirà dal centro di Catania, in piazza Roma alle 10, percorrendo poi tutta la città fino ad arrivare a Librino. All’arrivo, alcuni dei bambini che hanno contribuito a realizzare la Porta si cimenteranno nel ruolo di guide, dando spiegazioni sui tanti significati nascosti in queste grandiose figure.

Chi volesse unirsi alla “Fiumara di bici”, può direttamente recarsi in piazza Roma domenica 25 ottobre 2009 alle ore 9,30 in tempo per la partenza prevista per le 10. Per ulteriori informazioni sul progetto e sull’iniziativa si può contattare il numero 095-7151743 o consultare il sito.

Per chi non la conoscesse, la Porta della Bellezza è la grandiosa opera d’arte voluta da Fiumara d’Arte a Librino e realizzata con il contributo di oltre 2000 bambini delle scuole del quartiere. Si tratta di una serie di opere in terracotta realizzate per nascondere la bruttezza di un muro lungo chilometri che spacca in due il quartere di Librino, quello della futura “tangenziale cittadina” che si chiama Asse Attrezzato.

Fiumara di bici – la Critical mass Catania in visita alla Porta della Bellezza

portabellezza_mini.jpgLa Porta della Bellezza, la grandiosa opera d’arte voluta da Fiumara d’Arte a Librino e realizzata con il contributo di oltre 2000 bambini delle scuole del quartiere, a un mese dalla sua inaugurazione continua a far parlare di sè: stasera ad ammirare le originali opere in terracotta su sfondo azzurro saranno dei turisti un po’ speciali, ovvero i ciclisti della Critical Mass, un movimento che esiste da quasi 7 anni a Catania, e che è in costante espansione!

Come ogni mercoledì alle 21.30 i membri e i simpatizzanti della “massa critica”, che propone di dare un segno tangibile all’ambiente e alla qualità della vita promuovendo l’uso della bici come mezzo di trasporto, partiranno alla volta di Librino da piazza Roma.

Ad accompagnarli un ciclista d’eccezione: Antonio Presti, il mecenate che ha reso possibile la realizzazione di quest’opera unica nel suo genere.

L’evento è ovviamente aperto alla partecipazione di tutti, e per chiunque fosse interessato a partecipare alla gita serale, che si concluderà non prima dell’1, ricordo che non c’è bisogno di essere dei ciclisti provetti, basta una bicicletta ben funzionate e possibilmente una dinamo per illuminare la strada e i catarifrangenti per farsi vedere. Le strade di Librino in bici, e parlo per esperienza diretta, non sono sicurissime purtroppo, quindi vi raccomando anche molta prudenza.