Ad ali spiegate 2010

darrigo.jpgGino Paoli, Pfm, Roy Paci e Aretuska sono solo alcuni dei protagonisti che si alterneranno sul palco del Teatro Antico di Taormina, giovedì 24 giugno alle 21, per Ad ali spiegate, la . L’incasso della serata verrà interamente devoluto al finanziamento dei progetti di solidarietà promossi in tutto il mondo dalla Fondazione D’Arrigo.

Una manifestazione nata per mantenere vivo il ricordo e diffondere gli ideali del celebre deltaplanista, scienziato del volo ed etologo, scomparso nel 2006 in un tragico incidente aereo: un autentico pioniere che ha girato il mondo realizzando imprese sportive – e non solo – straordinarie. Dal volo sulle dune del Sahara e sul Mediterraneo seguendo la rotta dei falchi migratori, alla traversata in deltaplano della Siberia alla guida di uno stormo di gru siberiane nate in cattività; dall’avventura sull’Everest con un’aquila nepalese (primo volo libero in cima al tetto del mondo, record compiuto nel maggio del 2004), alla Cordigliera delle Ande seguendo la rotta migratoria dei condor sopra l’Aconcagua.

Insieme agli artisti già citati, nel corso della serata al Teatro Antico – presentata da Armando Traverso e diretta da Erick Barbà – si esibiranno anche il pianista catanese Alberto Alibrandi, il jazzista di Lentini Carlo Cattano e il corpo di ballo Città Teatro Danza. Mariella Lo Giudice e Nicola Costa si alterneranno nella lettura di alcuni brani tratti dal libro di Angelo D’Arrigo “In volo sopra il mondo” e da quello scritto da sua moglie, Laura Mancuso, “In volo senza confini”.

Durante lo spettacolo, il rettore dell’Università di Catania Antonino Recca consegnerà inoltre il Premio Angelo D’Arrigo al pluricampione olimpionico Pietro Mennea, una scultura realizzata dall’artista Luca Zuppelli. Un riconoscimento consegnato a chi è riuscito, con costanza e volontà, ad allargare i limiti delle possibilità umane – ed umanistiche – e raggiungere risultati straordinari. Dal 2007 a oggi sono stati premiati la ballerina senza braccia Simona Atzori, il giornalista Piero Angela e l’astrofisica Margherita Hack.

Premio Giuseppe Fava 2010

favag.jpg

Al bando da questo blog i consigli su come trascorrere il Capodanno!

L’affiatato team che sta dietro le quinte di questo blog è contrario: come festeggiare il nuovo anno deve essere una scelta personale e meditata.

Naturalmente la realtà è che non ho nulla da consigliarvi (e che non ho un numeroso team alle spalle) ma mi rifaccio consigliandovi una serie di appuntamenti dei quali certamente non resterete delusi: come ormai tradizione, anche quest’anno saranno molte le attivitè legate al Premio nazionale Giuseppe Fava 2010 Niente altro che la verità:Scritture e immagini contro le mafie 5 gennaio 1984 -2010 “Come raccontare la mafia, senza chiedere permesso”. Il premio verrà consegnato a Sigfrido Ranucci della trasmissione tv Report, che ha prodotto dei documentari piuttosto sconvolgenti sulla nostra città e i suoi probemi politico-amministrativi.

2 gennaio.

Catania Fondazione Giuseppe Fava

Via Grotte Bianche 150

ore 10.30 Conferenza stampa

Presentazione della ristampa di “La passione di Michele” e “Prima che vi uccidano”

Presentazione del DVD della rassegna stampa del dopo omicidio

 

Palazzolo Acreide: (Sala ex Biblioteca Comunale)

Il Giornalismo che nasce e la sfida delle blogosfere all’informazione tradizionale: Blog e social Network”

ore 15.30 Laboratorio dell’informazione

ore 18.30 Dibattito con Fabio Chiari, Massimiliano Perna, Gaetano Liardo, Pippo Gurrieri,Marco Benanti, Riccardo Orioles.Pino Maniaci

ore 21:30 L’Associazione Culturale Siracusa in movimento presenta: “La mafia è un’idea” di Massimo Tuccitto

 

3 gennaio

Palazzolo Acreide, (Sala Consiliare Comunale

ore 16,30 Il rapporto tra mafie, potere ed informazione”

dibattito coordinato daPino Finocchiaro con  Antonella Mascali,Rosa Maria Di Natale, Beppe Lumia

ore 21,30

Sala ex Biblioteca Comunale

Giulio Cavalli: Recital

 

4 gennaio

Palazzolo Acreide

Sala consiliare comunale “Il Teatro della verità”: IV° Premio G. Fava Giovani 2010 –Scritture e immagini contro la mafia

ore 16:30 Presentazione dei lavori inviati al Coordinamento G. Fava per partecipare al Premio G. Fava Premiazione degli studenti che hanno partecipato al 1° Concorso Giuseppe Fava

ore 17,30: – Consegna del Premio G. Fava 2010, giovani, a Giulio Cavalli

Dibattito coordinato da F. D’ Arpa con Giulio Cavalli, attore, Mario Gelardi e Luigi Marsano,teatri della legalità, dott.Carmelo Petralia, DIA, Claudio Fava.

 

5 gennaio

Catania

ore 17. Appuntamento alla lapide

ore 18.30 Centro culturale ZO

Come raccontare la mafia, senza chiedere permesso

Claudio Fava, Armando Spadaro,giudice, Giulio Cavalli, attore, Antonella mascali, giornalista

Consegna del Premio G. Fava a Sigfrido Ranucci per la trasmissione Report

Weekend di reggae e spade

scherma.jpgWeekend movimentato, per i catanesi che non si lasceranno scoraggiare dalla pioggia incessante. Parliamo oggi di tre eventi, a Catania Gravina e Zafferana.

Partiamo da Zafferana, dove come ogni anni dal 1967 si svolgerà la conferenza e premiazione del premio dedicato a Vitaliano Brancati. Oggi 25 e domani 26 settembre saranno due giornate di Convegno, mentre domenica 27 alla 20 si terrà la cerimonia di premiazione.

Scendendo dalle pendici dell’Etna e tornando verso il capoluogo, domani 26 settembre a Gravina di Catania al parco Falcone e Borsellino “Reggae in the park“, con Zu Luciano e dj set reggae. Zu Luciano è un personaggio da non perdere, un “cantastorie” in versione reggae. Si comincia alle 20, ingresso libero compreso di megabuffet.

Infine eccoci a Catania, al cortile Platamone (ora noto anche come “Palazzo della Cultura”), dove il progetto AITA e il CUS Catania organizzano un incontro benefico incentrato sulla scherma. Alle 19 il maestro Giancarlo Toran parlerà della storia della scherma, mentre dalle venti in poi questa serata di “racconto della scherma” andrà avanti con duelli storici medievali e si concluderà  nell’incontro con Diego Confalonieri, bronzo alle olpimpiadi di Pechino.