Sant’Agata 2011: una festa tutta da scattare

5076464070_fc0a9d2cce.jpgSemu tutti devoti tutti? Catania si prepara alla festa di Sant’Agata. I cittadini si dividono tra i devoti, i curiosi e gli insofferenti ai festeggiamenti, religiosi e folkloristici. Su un punto però sono tutti d’accordo: con i fuochi del Borgo, i colori della folla e delle bancarelle, si tratta di tre giorni di spettacolo. Particolarmente attesi soprattutto dagli appassionati di fotografia. Così sono già molte le proposte di mostre e percorsi organizzati. Eccovene due.

Da oggi alle 18 fino al 20 febbraio, al palazzo Platamone (via Vittorio Emanuele, 121), sarà visitabile la personale del fotoreporter etneo Antonio Parrinello, Sant’Aituzza, dal vezzeggiativo con cui i catanesi chiamano con affetto la patrona. Un viaggio in bianco e nero, i colori della città – con la luce che si riflette sulla pietra lavica di palazzi e monumenti – ma anche il bianco dei sacchi indossati dai devoti e il nero delle coccarde appuntate sopra. I momenti della festa e i cittadini che la animano fissati su 35 instantanee, scattate negli ultimi dieci anni e stampate su carta per ottenere un effetto più naturale. La mostra sarà visitabile durante la settimana dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19,30; la domenica solo la mattina dalle 9 alle 13. Nei giorni della festa, dal 3 al 5 febbraio, apertura straordinaria: dalle 9 alle 24

Se invece siete proprio degli appassionati e vi piacerebbe provare a scattare delle immagini dei festeggiamenti, il gruppo Triquadro organizza un workshop apposito, Festa di S. Agata:un’esplosione di devozione (sul sito trovate tutte le informazioni e il modo per iscriversi). Un percorso, macchina fotografica alla mano, guidati da Sandro Santioli, noto fotografo e fotoreporter toscano. Collaboratore di numerose riviste italiane ed estere – provate a sfogliare National Geographic Italia -, Santioli spazia dai lavori creativi a quelli per riviste specializzate nel settore turistico, per cui è stato anche editore e photoeditor. Un gruppo di massimo dieci persone si incontrerà mercoledì 2 febbraio in una cena di presentazione per fare conoscenza. Dall’indomani, si comincia a scattare. La mattina del 3 febbraio durante la processione di offerta della cera e il pomeriggio tra le vie del centro storico. Il 4 e 5, invece, si segue la Santa, dall’uscita dalla cattedrale all’alba alla processione per le vie della città, soprattutto nei momenti più coinvolgenti come la salita di San Giuliano e l’ultima notte di festa prima del rientro in chiesa.

[Foto: un momento di uno dei workshop fotografici organizzati da Triquadro a Catania, di Deborah Lo Castro per Triquadro]

 

Modigliani dipinge Sant’Agata, in mostra a Catania

modigliani-nel-suo-atelier-2,-foto-di-paul-guillaume-(parigi-1915_468).png

Per gli amanti dell’arte oggi è un giorno imperdibile. In municipio a Catania sarà svelato il «Ritratto di Agatae» di Amedeo Modigliani, che raffigura Sant’Agata, la patrona della città. Un inedito del 1919, scoperto per caso. Un collezionista di documenti antichi lo ritrova tra i pezzi acquistati anni prima in una casa d’aste internazionale. Il ritratto stava sul retro di una lettera che Modigliani aveva ricevuto da un prelato di Noto, in provincia di Siracusa. Un omaggio dell’artista toscano alla città, dove per un periodo si erano trasferiti i suoi fratelli, Emanuele e Umberto. Modigliani, però, non riuscì mai a visitare il capoluogo etneo.

Un lavoro mai visto che è solo una piccola anticipazione della mostra dedicata al pittore e scultore di Livorno: Modigliani, ritratti dell’anima. Per la prima volta a Catania, le sue opere saranno esposte dall’11 dicembre all’11 febbraio al Castello Ursino, la fortezza medievale voluta da Federico II di Svevia.

In mostra un centinaio di pezzi collegati all’autore, in un percorso artistico e umano. Vedremo 32 disegni – di cui sette inediti – quattro oli su tela e cinque sculture, realizzati da Modigliani tra il 1909 e il 1919 nel quartiere per artisti Montparnasse di Parigi. Ma anche taccuini, fotografie, cartoline e lettere.

Tra le curiosità: saranno in mostra anche il diario della madre di Modigliani, Eugenie Garsin, che racconta la storia di famiglia a partire dal 1886 e le pagelle scolastiche dell’artista.

[Foto: Amedeo Modigliani nel suo atelier, di Paul Guillaume (Parigi 1915)]

Strade cerate e il ritorno del “blog della municipale”

1687451888.jpgTorna, con la cera sotto le suole, il “blog della municipale”, bollettino di guerra direttamente dalle strade catanesi, piene di trincee. Trincee che prima erano semplici buche sull’asfalto… Ecco a voi, la situazione del traffico di ieri, 9 febbraio.

Viale  Fleming

resta il divieto di transito fino al 24/03/2010  nei due sensi di marcia per tutti i veicoli nel tratto compreso tra Viale Andrea Doria e Via PaoloBentivoglio per l’esecuzione dei lavori  del costruendo sottopasso Fleming – Circonvallazione.  Rimane invariato il piano di circolazione esistente .

Via Sgroppillo

nel tratto compreso tra la Rotatoria di Via Nuovaluce/Nuovalucello e la Via Delle Olimpiadi sono in esecuzione i lavori di  rifacimento manto stradale per eliminare i tratti ammalorati presenti nella sedestradale.

 

Via Giovanna Condorelli

nel tratto compreso tra Via Mascalucia e Via Due Obelischi e nelle Vie Nino Bixio, Pasquale Liotta , Mario Vaccaro, Antonello Freri ed infine in Via Mascalucia si eseguono i lavori di scavo  per la nuova rete digas-metano.

 

Piazza Giovanni XXIII

proseguono i lavori della costruenda metropolitana. E’ stata delimitata l’area di cantiere con adeguato transennamento al fine di garantire  la sicurezza e la fluidità della circolazione veicolare.

Via Enrico Barsanti

nel tratto compreso tra Piazza Eroi D’Ungheria e Via Alessandro Volta sono in esecuzione i lavori di scavo per la nuova rete gas-metano

Via S. Giuseppe La Rena

si eseguono i lavori di scavo in attraversamento in entrambi le carreggiate  Est – Ovest  dinanzi ai numeri civici 35 , 39  e 73 della rete telefonica Telecom.

CERA   S. AGATA:  RACCOMANDAZIONI E CONGLI PER LA GUIDA

Nonostante siano in corso le operazioni di rimozione della cera si invitano i conducenti di autoveicoli e soprattutto i conducenti di motoveicoli che transitano per le vie cittadine di prestare molta attenzione e di moderare la velocità per evitare  improvvise o brusche frenate  sul manto stradale reso scivoloso dagli strati di cera che potrebbero causare danni e situazioni di pericolo per la propria ed altrui incolumità.

Si segnala ai conducenti di veicoli e motoveicoli di prestare attenzione  e di rispettare  i limiti di velocità per il passaggio pedonale posto nel nodo Fleming – Cittadella Universitaria poiché sono stati dismessi temporaneamente, a causa  i lavori , sia il semaforo pedonale che il ponte pedonale in ferro.

Si raccomanda  sempre l’utenza  di far uso del casco , delle cinture di sicurezza di non utilizzare il telefonino quando si è in movimento, di  moderare la velocità e di non far uso di sostanze alcoliche o  stupefacenti quando si guida.

In ambito cittadino appositi servizi sono stati disposti nelle direttrici di marcia in ingresso e uscita dalla città allo scopo di rendere fluida la circolazione verbalizzando le auto in sosta irregolare operando anche con l’ausilio di carri attrezzi e ganasce.

Si invita l’utenza ad un comportamento di guida responsabile e quando possibile utilizzare i mezzi pubblici o la metropolitana per i tratti già coperti.

Si ricorda agli utenti che i lavori in sede stradale si eseguono in conformità a quanto previsto dal Codice della Strada. In genere la larghezza d’ingombro dei lavori si contempla con la larghezza utile della carreggiata spesso definite da esigenze di carattere tecnico e di sicurezza   nonché  da esigenze di viabilità.

Gli Enti e le ditte  interessati ai lavori  si scusano per i disagi  che producono e comunicano che ” Stiamo lavorando per Voi ” con  apposito “Cartello di Cortesia”.

Gli aggiornamenti sopra riportati sono resi a cura dell’Ispettore Capo De Simone Salvatore, responsabile del Corpo della Polizia Municipale  per il Servizio Controllo Lavori Stradali e con l’ausilio dell’Ufficio del Traffico Urbano.