Un consigliere comunale presunto prestanome

Immagine-2.jpg«Un consigliere comunale presunto prestanome per la mafia. E nessuno ne parla». Il giovane giornalista catanese Antonio Condorelli un paio di giorni fà “esce” questa clamorosa notizia dalle complicatissime maglie della giustizia penale catanese, e ne parla sul quotidiano nazionale “Il Fatto“. La notizia non ha avuto nessuna rilevanza sui quotidiani siciliani nemmeno dopo l’articolo de “Il Fatto”.

Seguendo quanto scritto da Condorelli, già firma nota in città per aver collaborato con Sigfrido Ranucci alla “scandalosa” puntata di Report su Catania, il consigliere Vincenzo Castelli «è sotto processo da due anni. La procura, che nel 2008 aveva chiesto inutilmente al gip il suo arresto, lo considera un prestanome delle cosche e per questo adesso lo accusa di “possesso ingiustificato di valori con l’aggravante di aver favorito l’associazione mafiosa Santapaola”», e parla di intercettazioni che riguarderebbero contatti diretti con boss mafiosi.

Si attendono reazioni dal Consiglio comunale di Catania, oltre all’avvio del processo, mentre Condorelli ha anche realizzato una intervista telefonica al consigliere, che si dice completmente estraneo ai fatti, e che Condorelli che ha messo su youtube. Potete vedere il video di seguito.

Gite turistiche al Tribunale di Catania

tribunale_ct.jpgSe una notte d’inverno in tribunale… Così spiritosamente l’ANM (associazione nazionale magistrati) di Catania scrive sul volantino che presenta una originale quanto utile iniziativa: una settimana open in cui tutte le mattine alle 10.30 il 21, 22, 25, 26 e 27 gennaio sarà possibile, previa prenotazione visitare gli sconfinati locali del Palazzo di Giustizia, capendo un po’ di più di questo complesso mondo. Il tutto senza essere stati prima arrestati o denunciati o aver commesso reati di sorta! Wow(!).

Inoltre, sabato 23 gennaio dalle 19.00 alle 21.30 si terrà una serata di apertura degli uffici giudiziari con:

  • proiezione di filmati
  • dibattiti e colloqui con i magistrati in servizio nel distretto di Corte d’Appello di Catania
  • qualche piccola sorpresa…

Nella speranza che la “piccola sorpresa” non sia un avviso di garanzia, ecco il contenuto del volantino dell’ANM:

Per consentire ai cittadini di verificare in prima persona come funziona la macchina giudiziaria e quali sono le reali condizioni di lavoro negli uffici giudiziari italiani, la Giunta dell’ANM di Catania (in coordinamento con la Giunta nazionale organizza Visite guidate nei locali del Tribunale di Catania.

Per le iscrizioni si prega di inviare una mail all’indirizzo visitaguidata@gmail.com (indicando un recapito di cellulare).