Piano Urbanistico Catania Sud

cataniasud.jpgFermento urbanistico a Catania: dopo aver parlato della vicenda del Corso Martiri della Libertà, parliamo dei piani urbanistici per  Catania Sud, e più precisamente della zona della Playa e del porto.

Per la Playa, esiste un Piano Urbanistico Attuativo (PUA) che prevede, nelle intenzioni, la trasformazione di quello che da sempre è l’approdo estivo delle famiglie catanesi in qualcosa di più remunerativo e “spendibile” turisticamente, e non solo nei mesi estivi. Previsti infatti la costruzione di un palazzo dei congressi, di campo da golf, di un cinema multisala, di un “parco del mare”, di un acquario, di campi da tennis e molto altro… Un progetto che teoricamente dovrebbe fare solo bene all’economia della nostra città, migliorando (senza stravolgere la costa come nel progetto per il “Waterfront“) anche per i catanesi che vogliono solo andare a fare un bagno al mare e prendere un po’ di sole la fruibilità della zona.

Come sempre le contraddizioni qui a Catania sono subito evidenti: l’ampliamento del porto, con la creazione di una darsena commerciale con sei ormeggi per ospitare navi fino a 200 m di lunghezza,  con la costruzione di  una banchina di oltre 1 Km e con il dragaggio di 5 metri di fondali. Praticamente verrebbe coinvolta nell’ampliamento del porto anche la zona della Playa da rilanciare turisticamente, in palese contraddizione con gli intenti, teorici, di rilancio turistico della zona.